lunedì, maggio 02, 2011
0
Partiamo dal presupposto che non occorreranno moltissime righe per recensire un titolo del genere, il gioco è piuttosto lineare e basilare, ma divertente ed efficace, quindi non aspettatevi una recensione chilometrica, ma piuttosto una descrizione bella e buona di quanto vi troverete davanti una infilata la cartuccia nel vostro Game Boy.

Tanto per cominciare parliamo di Yoshi's Cookie, titolo che io ho ri-giocato questa settimana sul mio Game Boy ma che uscì anche per NES e Super NES. Parliamo di un Puzzle Game uscito per la prima volta nel 1992 sviluppato da Blue Planet Software e pubblicato da Nintendo.
Come dicevo il gioco è piuttosto intuitivo e lineare, Mario e Yoshy lavorano sul banco di una pasticceria, sfornando righe di biscotti di vario tipo una dopo l'altro. Noi ci troveremo di fronte proprio al banco in questione, e dovremo spostare la righe di biscotti verticalmente o orizzontalmente per far si un'intera riga sia formata dallo stesso tipo di biscotti, riga che scomparirà una volta sistemata. Ovviamente lo scopo del gioco è svuotare lo schermo, ma a renderci la vita difficile ci penseranno i 2 personaggini di cui sopra, che andando avanti col gioco sforneranno righe di biscotti sempre più velocemente, riempendo la chermata sempre più in fretta! Ovviamente il riempimento totale della schermata porta al Game Over!
In totale ci troveremo di fronte a 10 livelli con difficoltà crescente, formati da 10 schemi ciascuno (100 in tutto quindi), livelli intermezzati tra loro da brevi animazioni con Mario e Yoshi protagonisti.

In conclusione, un buonissimo titolo che all'epoca aveva il potere di staccare per un pò i giocatori dal solito Tetris, ben realizzato e tutto sommato originale, nel quale il vero scopo era bullarsi di punteggi sempre più alti dati dalle diverse "combo" realizzabili eliminando i biscotti. Onestamente non so se sia scaricabile in Digital Delivery su Ds o Wii, io ho la cartuccia originale per Game Boy, e se la trovate vi consiglio altamente l'acquisto.

Voto: 7


Momo

0 Commenti:

Posta un commento