mercoledì, novembre 28, 2012
1
 Molto spesso capita di sentire una frase del genere, volta a sottolineare la mancanza dell'arrivo in occidente di alcune cose, in questo caso videogiochi (sarebbe più corretto dire PRINCIPALMENTE  videogiochi, anche se il discorso si potrebbe estendere anche agli Anime...dei gadget pseudo feticisti e cavolate simili non mi sembra il caso di parlare -.-")
Sull'onda dell'entusiasmo per la release date del Dai-2-Ji Super Robot Taisen Original Generations ho girovagato un pò su youtube alla ricerca di video promozionali...e mi è tornata in mente la frase che poi da titolo all'articolo.

La risposta l'ho trovata appunto cazzeggiando per youtube. Ci chiediamo PERCHE' in Giappone rimangano relegati tanti, troppi titoli? La risposta principale può essere individuata nella differenza di gusti, principalmente dettati dalla cultura diversa. Ma è davvero questa la sola ragione? Direi di no.
 Questa è la Title song di Dragon's Dogma, titolo di cui avevgià parlato qui.
Bene, a parte la canzone gradevole (a me decisamente gasa parecchio), cosa si dovrebbe notare? Cosa dovrebbe spiegare? Questo video niente...ma quello che segue
forse qualcosina comincia a trasmetterlo. A parte la lingua diversa (quella del gioco è inglese, mentre quella live è Jap) si nota una "piccola" folla di persone. Per un gruppo che fa una canzone per un videogioco? Beh, si e no...nel senso che i B'Z sono una band (un duo tbh) che ha una sua carriera musicale, e son stati ingaggiati da Capcom per scrivere la title song..e conferire a loro successo mondiale, visto che fino ad allora eran "relegati in patria"...anche se con un pubblico del genere a tutti i concerti anche io metterei la firma per esser relegato in patria -.-" 
Cosa ci fa intuire il video? che in Giappone il videogame è considerato alla pari di un'arte vera e propria, e spesso si combinano due o più arti diverse in un mix esplosivo.
Anche le band create "apposta" per creare sigle (sia di anime che di videogame) hanno un successo strepitoso. Esempio illuminante sono i Jam Project.
Il video sopra è un fan made,creato con la "sigla" del gioco e alcune fasi di gameplay, la qualità non è ottima, ma almeno i nostalgici si divertiranno a vedere alcuni beniamini d'acciaio dell'era d'oro robotica.   
I Jam Project, dicevo, son un gruppo creato nel 2000 da Ichiro Mizuki, la voce della sigla del primo, glorioso Mazinga Z. Scrivono SOLO ed ESCLUSIVAMENTE pezzi per Anime e Videogame, e i loro concerti (da poco anche mondiali, grazie anche all'ingresso in formazione di un ottimo cantante Brasiliano) si basano solo su questi pezzi.
Ancher qui, notare la mole di pubblico... e la partecipazione. c'è gente di ogni ceto sociale ed età. Qui da noi sarebbe una cosa vergognosa partecipare ad un concerto del genere. verresti etichettato come "sfigato" o "nerd".
Il massimo dell'azzardo cheabbiamo avuto noi in italia è stato quello di chiamare Marco Masini a scrivere e cantare la sigla di Shaman King. E non nel periodo d'oro del "vaffanculo" italiano più famoso, no...è ironico pensare che proprio questa canzone abbia fatto ricordare alla gente la sua esistenza, finita in un dimenticatoio musicale...
Che dire, proprio lo stesso livello musicale dei pezzi sopra vero? 
L'altro unico esemoio italico a mia personale memoria è la sigla di Street Fighter Victory fatta dai Dhaam


Inutile promozione di un gruppo pseudo rock che ha cercato (non trovandola) fortuna imitando lo stile "visivo" degli Skid Row...
 
 In effetti la somiglianza di laessio, il cantante, con Sebastian Bach ci sta tutta, ma ci fermiamo lì...nn basta un ridicolo cappello per imitare decentemente Snake alla chitarra, ma vabbè...e tralascio il discorso tecnico/compositivo eh...
Tutta questa carrellata di video per dire cosa? che fino a quando ci sarà una differenza tanto amrcata nel modo di vivere una passione, sviluppatori e pubblisher non investiranno mai in una localizzazione di determinati titoli. Se a questo poi aggiungiamo la piaga della pirateria, che merita un approfondimento a parte, è facile arrivare a capire che il motivo per cui "in Giappone è tutta un'altra cosa" non è per via della cultura diversa... é proprio il modo di vivere la passione che é differente...
Se ci affidiamo ai soli Club Dogo stiamo freschi -.-" 

1 Commenti:

  1. Non sono per nulla d accordo
    in alcuni casi sicuramente è questione di modi diversi di vivere una passione,e fin quì ci stò,altre volte invece parliamo di scelte incomprensibili
    cerco di spiegarmi,prendiamo l esempio del wii,una console morta da 2 anni,dico 2 anni perchè in questo lasso di tempo sono usciti molti pochi titoli di un certo livello,3 jrpg a distanza di poco l uno dall altro(tutti e 3 ottimi per altro) uno zelda che è stato ottimo a livello di innovazione nei controlli ma che per me per il resto è un iceberg alla deriva,il remake di fatal frame 2 e 2 cod
    alla luce di ciò che senso ha avere nella line up titoli validi,ma anche titoli mediocri relegati ad uno specifico territorio?
    cito fatal frame 4,titolo nuovo non un remake,titolo ottimo e progetto importante,che senso ha lasciarlo a marcire in giappone?
    previsioni di vendite basse?
    su ps2 ha venduto il giusto ed era pieno di competitor,adesso i survival horror hanno perso affezionati ma farne uno vero vuol dire imporsi nel mercato,perchè non rischiare e dare linfa al wii?
    linfa che potrebbe arrivare da capuitan rainbow,da excite bots e tanti altri titoli che per ragioni incomprensibili quì non sono mai arrivati
    sulla questione pirateria nulla da obiettare,ci siamo beccati titoli di nicchia non doppiati perchè era scontato un favore di pubblico non esaltante,ma non far arrivare un titolo non ha senso,soprattutto se questo non ha vincoli regionali

    ps...al concerto di cristina d avena non solo dovrebbero prenderti per il sedere o meglio insultarti,dovrebbero persino rigarti la macchina.
    le sigle anni 80 mi piacevano un sacco,ogni tanto me le riascolto pure o me le canticchio perchè per imponderabili ragioni capita ti vengano in mente,ma non credo andrei mai ad un concerto di sigle di cartoni animati... :)

    RispondiElimina