venerdì, dicembre 07, 2012
13
Esatto,come da titolo,a quanto pare,anzi ve lo confermo perchè ho provato uno dei contenuti degli ultimi aggiornamenti made in N  riguarda un bizzarro parental control obbligatorio che limita i contenuti valutati +18
Entrando infatti nell eShop ad esempio,e digitando Zombi U o qualunque contenuto adatto ad un pubblico maturo troveremo questo


Al momento non sappiamo se tale limitazione riguarda il solo suolo europeo,ma di certo nelle prossime ore,oltre alle comprensibili polemiche,arriveranno maggiori chiarimenti,visto che il problema è facilmente aggirabile con i parental control presenti in tutte le console nintendo,e soprattutto con i neonati Nintendo ID,posto che la cosa migliore per il consumatore sarebbe sempre legare l account all utente e non alla macchina.
L orario in cui è consentito visionare tali contenuti su 3ds e WiiU ed eventualmente scaricarli e dalle 23:00 alle 03:00
Edit: il Wii visualizza regolarmente i contenuti 18+ nel canale Nintendo
                                                                    Pier Nano (VcVaV)

13 Commenti:

  1. A me fanno entrare... come nei cinema a luci rosse! Ho la tessera... mi piace l'hardcore!XXX

    XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. invece di fare il giullare...potresti controllare se su wii u funziona tutto...ed aggiungere qualcosa di sensato al pezzo! zio...sei stato nominato ;)

      Elimina
  2. Ma quale giullare sono serissimo! :DD
    Quando ho controllato io, parlo di qualche giorno fa, non c'era sta cosa... come demo c'era solo FIFA 2013 quindi visto che non mi interessava non sono andato oltre anche perchè il MIIverse è la cosa più originale su cui mi sono soffermato a lungo facendo diversi disegni... mi pare che in queste gaffe si veda la poca esperienza in campo online di Nintendo. Non ne farrei una tragedia, sono cose che si possono aggiustare/migliorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco la scarsa esperienza, ma vuoi che alla Nintendo nessuno giochi con la 360??? (e qui riprendo anche il commento di Simon... bah)

      Elimina
  3. è incredibile la goffaggine con la quale NIntendo affronti la tecnologia moderna....non ho altro da aggiungere!
    Purtroppo sono troppo orgogliosi per accettare di imparare da concorrenti avanti alemno 10 anni su questi aspetti...peccato!

    RispondiElimina
  4. Ma scherziamo? Tanto la cosa si risolve mandando delle e-mail,no? -.-

    RispondiElimina
  5. Come ho scritto da altre parti, trattasi di mossa al limite dell'ipocrisia/demagogia perfettamente in linea col modello "mulino bianco" di Nintendo.
    Io una mail di protesta l'ho spedita, per quello che può servire.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "per quel che può servire..."

      esatto. Quando capitano cose del genere esce sempre il "facciamo sentie la nostra voce" e si mandano migliaia di mail/petizioni...son mai servite a qualcosa? ovvio, qualche volta il risultato si è ottenuto, ma dubito fortemente che il merito sia da attribuire alle mail o alle petizioni, che per me in automatico finiscono nella cartella SPAM, qualsiasi sia l'oggetto...

      Elimina
  6. E' da poco uscita la spiegazione di Nintendo alla storia degli orari sui contenuti eshop. Avendo Nintendo Europe sede in Germania, deve sottostare alle leggi tedesche, e appunto una di queste dice che i contenuti classificati 18+ DEVONO esser disponibili nella fascia oraria 22.00-04.00. Quindi dubito fortemente cambierà qualcosa....

    RispondiElimina
  7. basterebbe cambiare la sede legale in un paese che non ha tale restrizione...sempre che volesse sia chiaro...
    le cose sono 3:
    1)o sono un genio io(e tenderei ad escluderlo)
    2)o sono scemi loro(ed è possibile come scenario)
    3)o pensano che siamo tutti idioti e giustificano il tutto con questa menata della Germania...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh non credo sia una giustificazione. Nel senso che è vero che una ditta che ha SEDE LEGALE in un dato paese deve sottostare alle leggi DI QUEL PAESE. la cosa più semplice sarebbe ottimizzare gli shop su vari server in modo da gestire gli orari, considerando anche che la Germania non riconosce il PEGI, mentre l'italia si ad esempio, anche se non costituzionalmente (motivo per cui non vai sul penale se lo violi, come rivenditore becchi una multa MOSTRUOSA si, ma niente processo/galera) come invece fa la Francia o la Spagna.

      Elimina
    2. rhaxs,nintendo ha una sede in tutti i principali paesi europei,adesso se il problema è legato alla sola germania,e ti rendi conto che questa restrizione causa malcontento ed è una baggianata,sposti la sede legale di noe da un altra parte,scegli uno stato membro a caso dove hai già una sede ed è fatta!
      nonostante la sede tedesca sia importantissima,non so se succede ancora ma prima stampavano tutto il materiale,facevano le custodie ed altre cose li,mentre le altre sedi sono per lo più semi inutili ...

      Elimina
  8. Purtroppo Nintendo se ne frega: prende le norme più restrittive e le estende a tutti, loro si sono parati il sedere, risparmiano soldi e delle opinioni degli utenti non mi pare si interessino molto (nonostante i questionari che ti mollano ad ogni registrazione di giochi sul club). Questa è la mia impressione

    RispondiElimina