lunedì, gennaio 28, 2013
2


...da più di 10 anni la Cina ha vietato severamente l'arrivo delle console da gioco nel loro mercato perché altamente controproducenti verso l'essere umano, si temeva che lo sviluppo fisico e mentale dei giovani venisse deviato dall'uso dei videogames.
Anche provandoci, Nintendo, Sony e Microsoft non sono riuscite
a portare i loro prodotti nell'antico "Catai" fino ad ora, forse. Il governo cinese, tramite sondaggi e decisioni con altri ministri sta rivalutando la possibilità di introdurre le console nel loro mercato:


"Stiamo rivedendo le linee di condotta, abbiamo fatto dei sondaggi e stiamo discutendo con altri ministri sulla possibilità di aprirci al mercato delle console per videogiochi", ha detto questa anonima fonte interna al Ministero della Cultura cinese, "in ogni caso, trattandosi di una decisione presa da sette ministri più di dieci anni fa, avremo bisogno di un consenso unanime per poter effettuare tale apertura"

In un mercato in crisi, il via libera della Cina porterebbe non pochi profitti all'industria dei videogiochi.

Riguardo ciò mi è venuto un quesito:
Avete mai pensato ad una console esclusivamente di fattura cinese (come l'americana Xbox) quanto potrebbe vendere in Cina?

Fonte: Multiplayer.it

2 Commenti:

  1. è un mercato enorme che ad oggi produce solo a livello di maniffattura e cloni

    fosse rotto questo embargo il mercato potrebbe vivere un secondo boom se bene molti cinesi...la maggior parte,non sono benestanti,anzi..

    sull ipotesi di una loro console...beh dobbiamo metterci in testa che i cinesi tra un pò saranno il punto di riferimento in tutto,hanno manodopera a costi bassissimi,hanno industrie ed ora anche il know how necessario

    un pò come l ipotesi...se il calcio prendesse piede negli stati uniti potrebbero vincere tutto? entro un paio di generazioni forse si
    ancor più facile che i cinesi tirino fuori il sistema definitivo,ma anche l india eh,mancherebbe solo il supporto ;)

    RispondiElimina
  2. la MS per vendere le xbox 360 ad un buon prezzo in Brasile, ha aperto una catena di produzione proprio lì. Immagino che non sia difficle farlo in Cina visto che le 3 case comunque già producono lì...però penso che alla fine la mentalità sia più orientaleggiante e tendente verso Sony e Nintendo

    RispondiElimina