giovedì, gennaio 31, 2013
4

Un'entrata in contropiede quella di EA nei confronti di Wii U, John Riccitiello, presidente della suddetta software house, se ne è uscito con una dichiarazione non molto positiva sulla nuova console Nintendo.

Ha affermato che le vendite dei suoi prodotti approdati su Wii U non rispecchieranno quelle che faranno le prossime console Sony e Microsoft e che per lui la next gen deve ancora arrivare.
Sembra chiaro che le parole di Riccitiello abbiano espresso malcontento per le vendite non brillanti dei suoi giochi usciti per Wii U, ma dopo scelte commerciali di dubbio valore che si ooaspettava? Ci sono in tutto poco più che 3 milioni di Wii U al mondo, quanto credeva che potessero vendere globalmente i suoi prodotti?
Mistero del marketing...

4 Commenti:

  1. Era una strategia ben precisa quella di EA.
    Faccio uscire un Fifa riciclato da quello dello scorso anno, Mass Effect 3 allo stesso prezzo della trilogia uscita su ps360 e se questi coglionazzi non ne comprano abbastanza posso sempre dire: "eh cosa volete? Noi i titolo li abbiamo fatti uscire ma se non li comprate caxxi vostri".
    EA.....mavaff.....

    RispondiElimina
  2. Nintendo e EA non sono mai andate d'accordo. Nintendo non incentiva Ea a convertire i suoi giochi sul Wiiu, EA dal canto suo vede che al momento la console Nintendo non può garantire molte vendite causa la differenza tra PS3 e xbox360 in termini di console vendute e il gioco è fatto!

    RispondiElimina
  3. Il discorso è un pò più lungo e complesso...
    Nintendo doveva creare una piattaforma online moderna perchè era rimasta nel paleolitico...
    EA voleva che adottasse la sua piattaforma Origin mentre Valve voleva portare Steam
    alla fine Nintendo a fatto tutto da se con i seguenti risultati
    EA ha cancellato buona parte dei suoi titoli,evidentemente ha lasciato in ballo solo quelli avanti coi lavori anche per garantirsi di poter produrre le sue troiate low cost per i casual (fitness game e minchiate varie)
    Valve ha rimesso in piedi il progetto di una sua console/pc,lo Steam box o Piston a seconda dei casi...

    bene,la situazione è questa,il problema è che perdere il supporto di EA vuol dire avere una line up IRREPARABILMENTE PENALIZZATA ed incompleta.
    WiiU SENZA EA rischia veramente grosso (ricordate il Dreamcast ? quella meravigliosa console ha sempre più cose in comune con questo PER ME già condannato WiiU)

    poi possiamo parlare del fatto che EA non ci metta impegno....ma è anche vero che con 3.6 milioni di console vendute a fronte di 110 milioni(il venduto di ps3 e 360)non si può pretendere un gran supporto,e se la software house concentra i suoi sforzi sulla VERA NEXT GEN ...possiamo biasimarla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nintendo ha fatto con l'acca....
      purtroppo no edit no party

      Elimina