sabato, aprile 06, 2013
5

Come detto nelle conclusioni della parte 3 Sony è già sul mercato quando Nintendo,per l ultima volta sotto il comando di uno Yamauchi,immette sul mercato il suo GameCube.
La console segna il passaggio della casa di Kyoto al dvd,certo,non un dvd comune ma un mini dvd comune solo ad alcune videocamere,con una capienza inferiore ai normali supporti usati da Ps2 e dalla nascitura Xbox.

Questa la prima grande differenza che da un lato proteggerà il Gamecube dalla pirateria,dall altra renderà scomodo il compito dei programmatori costretti spesso a comprimere oltremodo alcuni giochi (ad esempio Eternall darkness) .
Apparentemente le differenze tra le 3 console finiscono qui,la nuova Xbox è la più potente del lotto,seguita dal Gamecube e fanalino di coda la Ps2,differenze comunque troppo poco marcate per rendere impossibili conversioni e multipiattaforma,anche perchè spesso venivano costruiti per girare al meglio su Ps2 ed adattati alle altre due console "gemelle".Perchè chiamo Xbox e Gamecube console gemelle?Perchè nascono insieme e riscontrano i medesimi problemi,benche Microsoft e Nintendo le affrontino in modo diverso.
Ps2 viene dalla leadership dell era Playstation,Nintendo ha dalla sua una fama ed una reputazione di ottima software house e produttrice di ottimo hardware,Microsoft parte da zero e con l antipatia del mondo contro mentre Sega tristemente si appresta ad uscire dal mercato hardware per diventare una normale software house.
A mio insindacabile giudizio il logo più bello di sempre
Se Nintendo non ha saputo gestire i rapporti con le terze parti,anche a seguito delle scelte errate di cui abbiamo parlato in era N64,Sony invece è capacissima di gestire al meglio tali rapporti,Ps2 vola ed i giochi si susseguono incessantemente,le saghe che hanno spopolato su PsOne proseguono e mietono enormi successi,ed altrettante nuove perle popolano una line up completissima,inarrivabile e maestosa.
Per GameCube nei primi 2 anni di vita i giochi che non arrivano sono le esclusive ovviamente e pochi multipiattaforma,generalmente i giochi arrivano,i problemi inizieranno più in la,quando causa le pessime vendite la scarsa base istallata,e soprattutto un target che da molti è ritenuto diverso da quello Ps2,gradualmente ma in modo inesorabile,iniziano a non uscire più...
La reazione di Nintendo sta tutta in una serie di esclusive clamorose,ancora una volta per il livello qualitativo raggiunto da alcune di esse ed in un accordo che sembra possa sovvertire le sorti del Gamecube,l esclusività di ben 5 titoli Capcom(che poi diventeranno 4) ed ovviamente la serie di Resident evil allora ancora al culmine della popolarità,e soprattutto ancora un survival horror.
Arrivano così il rifacimento del primo capitolo con quasi la metà del titolo composto da contenuti inediti,un capitolo esclusivo,Zero con nuove meccaniche per svecchiarne le dinamiche e poi il capolavoro assoluto,quel R.E.4 che come sapete poi divenne multipiattaforma....insieme ai fantastici 4 altri giochi.
Altri lati positivi del Gamecube ed altri tentativi di Nintendo di uscire dal difficile momento sono senza dubbio il riprendere dei rapporti con Square e l arrivo di uno spin-off della serie Final fantasy dopo anni di assenza,e compreso che uno dei punti di forza di Playstation 2 fosse la multimedialità,il rilascio di un modello ibrido fatto in collaborazione con Panasonic in grado di leggere DVD video,il meraviglioso GameQ,che purtroppo come il satelleview per SNES ed il 64DD restarono relegati al Giappone.

Bellissimo con i suoi led azzurri,un design particolare e le cromature a specchio,display lcd anch esso azzurro,il tutto gli da un aspetto molto meno giocattoloso del GameCube classico
Le vendite comunque non riuscirono a decollare nemmeno dopo un sostanzioso price cut,il dominio di Ps2 era troppo forte e non solo Nintendo non aveva più dalla sua una mirabolante Rareware a supportare la sua macchina con decine di capolavori indiscussi,le second party sono si prolifiche ma non sfornano giochi epocali come quelli Rare,la line up è piena di buchi e soprattutto l unica grande software house che sostiene il Gamecube è Electronic Arts.
Alcuni fanno operazioni di facciata,come Konami con the twin snakes sviluppato da Silikon knights(ma ad esempio non porta PES eccezion fatta per Pes 6 ma solo in giappone e continua con la serie ISS senza license e con meccaniche molto più arcade e non se ne parla di vedere Silent Hill),Square appunto con uno spin-off di FF,e Nintendo stessa a volte cerca di creare qualcosa di nuovo sfruttando la popolarità ed il dominio che ha ancora nel settore delle portatili grazie ad un fantastico GBA,che diciamolo pure,insieme ai Pokemon ed al merchandising tengono a galla la baracca,ma giochi come Zelda four sword più che innovazioni sono fallimenti clamorosi.
Un pò complicato ma con WiiU questo concetto verrà in parte ripreso.
Nintendo è impotente ed in balia dello strapotere Ps2,Capcom come detto fa marcia in dietro e torna da mamma Sony,ormai è la seconda potenza,della cima dell olimpo c è solo uno sbiadito ricordo e ben presto dovrà fare i conti anche con Microsoft,già perchè Xbox dopo un freddo avvio prende una strada ben diversa da Nintendo,il supporto è scarso,o meglio limitato fin quando,forte di uno strapotere economico,inizia a comprarsi letteralmene alcune importanti collaborazioni,e soprattutto compra delle esclusive.
Rareware che doveva rappresentare il valore aggiunto si rivela un esborso infruttuoso,ma come detto,grazie ai titoli esclusivi,alcuni che sfruttano a dovere le potenzialità della macchina,Microsoft non solo si ritaglia un suo spazio,addirittura riesce a sorpassare Nintendo.

La console war dell era 128 bit ha conseguenze importanti e segnerà il punto più basso mai toccato da Nintendo come produttrice di hardware,benchè nessuno abbia mai discusso le qualità tecniche del GameCube,ma,magra consolazione,mantiene un ottima reputazione a livello di software house,tecnologicamente parlando alcune produzioni Nintendo continuano a dettar legge(Metroid per citarne una affidata a dei geni texani,i terribili ragazzi della neonata retro studios,cosa curiosa,retro studios nasce per sviluppare titoli sportivi e colmare una lacuna che già in epoca n64 afflisse le console Nintendo),manca quel pizzico di strapotere mostrato in epoca 64 bit con titoli della maestosità di OOT ed alcune software house riescono nell intento di eclissarle,è vero che lo stato dell arte non viene mai nemmeno lontanamente sfiorato da alcuni titoli,ma ad esempio,la saga di GTA  riesce a ritagliarsi un enorme importanza,segno dei tempi che cambiano(in meglio o in peggio non sta a me giudicare) e segno chiaro che i nuovi videogiocatori hanno gusti diversi e più variopinti che in passato,riuscirà Nintendo in futuro a continuare ad imporsi a suon di super Mario?
Una rara tastiera per GameCube,utilissima per chattare con i i giochi che supportano l online per questa console....che sfortunatamente però,sono solo 2....


Come avrete capito,non riuscirò a finire e dovrò fare una quinta parte,mi spiace...la sintesi non è il mio forte.

Siamo però veramente giunti alla fine,anche perchè l attuale generazione è alle porte,Microsoft anticiperà i tempi come fece la defunta Sega all epoca ma pur uscendo con un anno di anticipo dalla concorrenza riesce nel difficile compito di non essere obsoleta,Xbox 360 è una macchina straordinaria con enormi potenzialità,talmente enormi che è molto difficile sfruttarle a pieno sin da subito,la console è un upgrade tecnologico della precedente ma porta importanti novità,l online è un cardine dell esperienza di gioco ed il supporto alle tv hd,scelta che come vedremo sarà seguita da Sony con una Ps3 che arriverà con un anno di ritardo ed un costo per molti proibitivo,ma che ha dalla sua l introduzione di quello che dopo una breve lotta con Microsoft stessa ed il suo HdDVD si imporrà come successore del DVD,il capientissimo Blue Ray.
Nintendo invece pensa che il multy locale sia ancora un capo saldo dell industria ed è scarsamente fiduciosa per quanto riguarda la diffusione di TV hd , senza possibilità di sbagliare dopo il recente flop punta sull innovazione del sistema di controllo e da una piccola spolveratina al GameCube per minimizzare i costi,è così che tra la curiosità del mondo intero lancia Wii.
Metroid fu il chiaro segno delle potenzialità del GameCube,un gioco meraviglioso tecnicamente perfetto,purtroppo pochi titoli possono vantare eguali caratteristiche.
Ancora una volta i molti colori disponibili furono una piacevole variante al  monotematico nero di pS2 che solo a fine ciclo vitale si tinse di bianco e rosa,ma di certo non bastò a guadagnare pubblico.
Appuntamento alla quinta (e giuro ultima) parte ;)

PierNano (VcVaV)






5 Commenti:

  1. Volete sapere la mia? Il Gamecube è la macchina che ho adorato di più in quella generazione, addirittura più di ps2. C'è stato un momento (tra i Resident Evil Rebirth/0 e il 4) che sembrava nettamente superiore a ps2 ( e lo era, non di molto ma lo era). Anche Mario Sunshine nonostante fosse un titolo sottotono mi divertì parecchio. Mentre, mea culpa, mi persi i 2 Metroid per un mio pregiudizio: convinto fossero degli fps, non conoscevo minimamente la saga cosa che ho fatto col trilogy su Wii ed in seguito con i vecchi capitoli. Su Zelda invece.....bah, sapete la mia opinione.
    Insomma a mio parere gran console: poche vendite e grandi giochi, l'opposto della Wii che sarebbe arrivata insomma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo, io dopo N64 passai a PS2 e presi il GC nel 2005 a 4 soldi per recuperare i tanti bei giochi che mi spiaceva essermi perso.

      C'è da dire che Yamauchi (il vecchio pres. di Nintendo) magari non era fortunato con le scelt economiche ma le sue console erano sempre da avere. Iwata a mio parere ha avuto gran "fortuna" con WIi ma sta pagando ora la sua politica poco orientata verso gli aficionados Nintendo

      Elimina
  2. il Game Q era una ficata, peccato non fosse uscito dal Giappone!

    RispondiElimina
  3. Risso sono d accordo in parte,il GameCube aveva sul serio tante lacune,poi per un amante di Nintendo era senza dubbio da avere a tutti i costi,e le poche perle esclusive meritavano di brutto,però ripeto,troppo incompleto.
    Poi se faccio un raffronto con Wii ti dico che paradossalmente anche se su Wii ci sono stati molti più giochi sia first che third party ho sofferto maggiormente la mancanza di una seconda console di quanto non la soffrì col cubetto,sul cubetto meno giochi ma qualità indubbiamente migliore e soprattutto la differenza la faceva come detto il fascino dell esclusiva che dettava legge,sarò onesto,ho sempre goduto della superiorità di Nintendo rispetto alle altre sh,ed il problema è lo scemare di questa superiorità a mio avviso.
    @ simon i numeri purtroppo danno ragione ad iwata,ma il successo di wii è un boomerang,certo è innegabile che in epoca gamecube i titoli non arrivarono per la base istallata,a mio avviso è ben peggio dominare nelle vendite ma essere snobbati,economicamente parlando però che gli vuoi dire ad iwata?ha fatto un miracolo,certo 2 miracoli di fila se non ti chiami di nazaret di cognome è difficile...

    sul game q,è una mia ipotesi e resterà tale,l avessero commercializzato però credo che le unità vendute sarebbero state un pò di più,oltre a leggere i dvd era dannatamente bello,io avevo già il gamecube ma l avrei preso lo stesso

    RispondiElimina
  4. Mi ricordo bene il lancio di Xbox, che veniva vista con diffidenza, e la scalata verso il successo di PS2. Ricordo che gta divenne un titolo che tutti volevano ed i gusti del pubblico cambiarono.
    I videogiochi diventavano veramente un fenomeno di massa, e la massa voleva giochi mirati alle masse. PS2 resta per me il vero inizio della fine per i videogiochi, per quanto dotata di giochi magnifici stava pure mettendo le basi per quel "minchia oh siamo tutti videogiocatori e giochiamo ai giochi troppo fighi!", mentre microsoft inizia a far diventare il tutto un giro di soldi senz'anima.
    Gamecube era un'isola, una piccola isola per poche persone ma sulla quale si stava benissimo.
    E non è nemmeno giusto dire che c'era penuria di giochi, anzi, ne aveva eccome, con almeno 5 o 6 uscite veramente notevoli all'anno e decisamente di più considerando titoli "minori" o di nicchia. Come insegna il Dreamcast, non sono solo i dati di vendita a determinare la grandezza di una console, e Gamecube era decisamente meglio della concorrenza e di tante altre console che uscirono in seguito (tutte).

    RispondiElimina