mercoledì, giugno 05, 2013
8

Michael Pachter, analista di mercato, è recentemente tornato a parlare di Nintento, ed in particolare del Wii U e dell'attuale scarsità di titoli. Pachter ha particolarmente puntato il dito sul prossimo Direct Nintendo (previsto l'11 Giugno), il quale sarà essenziale per prevedere il futuro della nuova console marchiata N.

Durante un incontro con gli investitori, Pachter ha espresso:

«Crediamo che la lista di giochi in uscita per Wii U che verranno presentati sarà un fattore determinante per stabilire la capacità della console di resistere sul mercato a lungo termine. Con due console molto più potenti come PlayStation 4 e Xbox One che verranno lanciate entro quest’anno, Nintendo rischia di perdere ulteriori quote di mercato a favore dei suoi concorrenti, soprattutto se la qualità e il volume dei contenuti disponibili per Wii U non verranno alzati entro breve tempo»

E ancora:

«Se la popolarità di Wii U non aumenta entro la fine dell’anno, molti publisher di terze parti potrebbero abbandonare del tutto l’idea di produrre giochi per la console. EA ha annunciato di recente di non avere giochi Wii U in fase di sviluppo, e rimane la possibilità che il publisher abbandonerà la piattaforma del tutto. Se altri publisher dovessero seguire le orme di EA, Wii U potrebbe venire relegata a piattaforma solo first party»

Personalmente mi trova d'accordo sul fatto che senza titoli, meglio se di spessore, la console non possa sopravvivere. Ma al riguardo sono molto positivo. Andiamo, sappiamo tutti che non appena cominceranno ad arrivare i vari Mario e co. o Zelda e Metroid, le vendite impenneranno... Certo, diversa sarebbe la musica se le terze parti ci si mettessero d'impegno, ma se la console inizia a vendere le SH producono per forza, la qualità poi è una cosa diversa... 

8 Commenti:

  1. Patcher rischia di diventare un cretino, anzi lo è già diventato! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me strappa sempre un sorriso :-d

      Elimina
    2. Ad ogni modo riesce spesso a far parlare di se, che immagino sia il suo intento principale... :-#

      Elimina
  2. beh qualche rischio nintendo lo corre sul serio,vuoi per le sue politiche anacronistiche,vuoi per il suo target,vuoi per la scelta di non sottostare alle grandi SH come EA
    Detto questo,gente come Patcher e Kaz Hirai servono a rendere simpatico questo mondo fatto di colpi bassi e plagi.
    Come dice Momo,una risata te la strappa sempre ;)

    RispondiElimina
  3. Poi secondo me non ci vuole certo Nostradamus per prevedere che WiiU vivrà soprattutto dei titoli first party.....

    RispondiElimina
  4. Momo solo una piccolezza: nel titolo è scritto Patcher ma il nome è PaChter :D
    Sto puntando al premio cacacazz 2013!

    RispondiElimina