lunedì, giugno 03, 2013
1

Non sappiamo cosa ci sia effettivamente dietro la dichiarazione che stiamo per riportare, sappiamo solo che Warren Spector (creatore, tra gli altri, di titoli come Deux Ex ed Epic Mickey) ha recentemente rifatto visita agli studi Nintendo. In seguito ha rilasciato un'intervista a Gamespot, durante la quale ha detto:

“Penso che abbiamo bisogno di una compagnia che si dedichi completamente ai giochi. Ogni volta che visito Nintendo, sono sollevato nel trascorrere del tempo in un luogo in cui puoi sentire come tutti amino i giochi. E, davvero, quante volte persone hanno scritto che Nintendo era ormai fallita? Penso che chi la sottovaluta lo fa a suo rischio e pericolo”.

Un bel messaggio, indubbiamente, nei confronti della grande N, ma tutto ciò fa pensare a due cose: 
1) Profumo di esclusive per Nintendo?
2) Ma soprattutto: il Wii U, così bistrattato e dato per morto, è davvero fuori dai giochi? I recenti sviluppi fanno pensare di no, ed il carico da 90 che la casa di Kyoto sta per lanciare potrebbe fungere da defibrillatore. Se a questo si aggiungessero le terze parti... beh, Nintendo potrebbe aver di nuovo tirato fuori (per quanto ritardataria, poco performante, fuori dagli standard futuri...) l'ennesima gallina dalle uova d'oro....

1 Commenti:

  1. nintendo non va mai data per morta,alcuni dei suoi migliori titoli li ha tirati fuori in epoca gamecube ed n64...
    sarà importante vedere quantio autogoal si faranno sony e microsoft,molto del futuro di nintendo dipende anche da loro

    RispondiElimina