venerdì, dicembre 20, 2013
5
No, niente politica. E nemmeno picciotti!






Vi voglio parlare del mio ritorno al mondo PC gaming dopo tanti anni, dopo un paio di generazioni di console o forse più...cos'è cambiato rispetto al passato? Come si raffronta con il gioco su console? Quali difficoltà o vantaggi comporta giocare su PC?


Ecco, la mia intenzione è quella di sottoporvi un punto di vista assolutamente comune, espresso da semplice utente e non da supernerd alla ricerca di dettagli tecnici per pochi intimi, sui motivi per i quali oggi giocare su PC è più che in passato una scelta vincente. Ed a quanto pare negli ultmi mesi c'è stato un vero e proprio un ritorno di popolarità per questa scelta: come mai? Giocare su PC non era una scelta per pochi eletti auto-esiliati nelle lande sperdute del gaming?

Comincio la panoramica con una domanda essenziale: quali sono gli elementi chiave che compongono una macchina da gioco ideale? Mentre voi lettori darete mentalmente (mi auguro... se state parlando da soli, mollate il cartoccio del tavernello per cinque minuti!) la vostra risposta, vado ad elencare la mia scaletta di caratteristiche, postate nel classico "ordine sparso":

- dovrebbe essere semplice da gestire, senza troppe complicazioni;
- dovrebbe consentire di avere accesso ad una libreria di giochi di qualità varia e vasta, senza costringere l' utente a svenarsi per il proprio hobby; 
- dovrebbe avere un comparto tecnico di qualità;
- dovrebbe essere ricca di funzioni multimediali.

Partiamo dal primo punto della lista: "semplice da gestire, senza troppe complicazioni".
Si rende necessaria una premessa: un tempo si sceglieva una console per l' estrema semplicità nell' utilizzo. Tiravi fuori dalla confezione il tuo Sega Megadrive, il tuo N64, la tua Playstation e la collegavi alla TV. Poi collegavi la spina alla presa di corrente, mettevi il gioco e tanti saluti, cominciavi la partita. In particolare poi, ai tempi delle "cartucce" non serviva nemmeno aspettare: 3 secondi dopo eri pronto a premere "start" sul tuo pad. 

mmmmh...addirittura 3 spinotti...io ho solo un ingresso...ah tecnologia complessa!

Oggi? Non è più così: gli aggiornamenti via web sono frequenti e necessari, sia per i sistemi operativi delle console che per per i giochi. Rendono indispensabile capire un minimo di connessioni web, di nat aperto o moderato, di impostazioni del router; è inevitabile impostare un account, fornire dei dati per avere dei servizi. Devi sapere gestire il tuo hard disk, avere dello spazio libero, scegliere come gestire i tuoi dati salvati.


"Ma tu, capisci di internètt ? No? E allora??"

Tutto questo implica che il signor Ginetto, dotato di scarsi rudimenti di informatica, possa usufruire della console in modo molto marginale rispetto a quanto succedeva 10 anni fa. Oggi collegare un PC alla propria televisione ed alla rete di casa richiede sostanzialmente le stesse capacità. Collegare un moderno computer alla TV (ormai le GPU più recenti prevedono l' uscita hdmi) consente di avviare il PC e visualizzare, dopo pochi secondi anche in modo automatico, la vostra schermata, su qualsiasi TV di qualsiasi formato (ok, magari non su quelle a tubo catodico eh!). Utilizzando Steam Big Picture potrete visualizzare subito dopo l' avvio la schermata principale del software e e controllare il tutto tramite un pad. Un pad che può essere dedicato, oppure quello della X360, così come della PS3 e presto anche della PS4 , sempre che non vogliate continuare con i tradizionali mouse e tastiera. Esattamente come se fosse una console da gioco. Inoltre potrete accedervi off-line, anche se ovviamente non è consigliabile farlo a tempo indeterminato. 


ecco il messaggio proveniente dal passato di un pcista smarritosi alla
ricerca dei driver migliori per i propri giochi!


Molte perplessità degli utenti console, memori come me delle ore passate a risolvere conflitti hardware su Windows, riguardano gli aggiornamenti: i tristemente famosi driver di gioco che spesso causavano blocchi nei giochi e mille altre difficoltà nell' esecuzione di un determinato titolo. Per fortuna le cose sono cambiate semplificando tutte queste operazioni: produttori come NVIDIA o AMD hanno incorporato nelle proprie GPU software in grado di cercare ed installare gli aggiornamenti in modo automatico, evitando smanettamenti selvaggi in giro per la rete a caccia del driver più recente. Ormai le schede grafiche moderne (per esperienza diretta cito come esempio Nvidia) sono addirittura dotate di software in grado di settare i parametri dei giochi in modo automatico, evtando cioè di dover entrare nella schermata delle impostazioni grafiche del gioco per regolare risoluzione, frame rate ecc.: la GPU riconosce l' hardware in uso ed imposta il titolo di riferimento sui valori più adatti.




Click sul titolo e poi su "ottimizza". Fine delle impostazioni. Difficile?

"dovrebbe consentire di avere accesso ad una libreria di giochi di qualità varia e vasta, senza costringere l' utente a svenarsi per il proprio hobby" 

"dovrebbe avere un comparto tecnico di qualità;"

Spesso nel valutare i costi del PC gaming ci si ferma al prezzo dell' hardware. Sono questi i costi che incidono davvero?
Se vi aspettate subito una risposta da parte mia, non ve la darò - vi propongo invece un' analisi di alcuni aspetti...dalla quale potrete poi intuirla.

Una console aggiornata costa dai 400 ai 500 Euro. Una scheda grafica di buon livello costa dai 300 Euro in su (es. GTX 670); mettendoci anche il resto, diciamo che un discreto PC gaming senza fronzoli (CPU, GPU, RAM, accessoristica obbligata) può costare circa il doppio di una console. Tuttavia non va dimenticato che esistono molte promozioni sull' acquisto delle schede grafiche, esattamente come per le console. Comprando una GPU nuova, vengono offerti fino a 3 giochi nuovi ( per maggiori dettagli potete consultare i siti specializzati, come questo : http://www.eprice.it/p/promozione-nvidia-pirati-eroi-e-spie ) .

Togliamo quindi dal costo della scheda grafica un valore che spazia dai 60 ai 180 Euro: questa la valutazione degli stessi giochi in formato console che che si trovano sugli scaffali dei negozi. Il gap si può ridurre ordinandoli on-line, ma parliamo sempre di almeno 50 Euro cadauno. Giochi simili, su PC con schede grafiche dalle prestazioni di livello equivalente alla GTX670, offrono una qualità grafica media superiore a quella che possono offrire per qualsiasi console. Inoltre ogni titolo nuovo si trova in formato PC già all' uscita ad un prezzo inferiore del 20% rispetto alle controparti console e, dopo pochi mesi, a meno della metà, approfittando delle varie offerte digitali.

Un esempio? E' di questi giorni l' annuncio di Tomb Raider per XboxOne e Ps4. Potete giocare  a questo titolo in full HD a 60 hz con una qualità che  difficilmente sarà replicabile dalle console MS e Sony, io ad esempio l' ho scaricato da Steam giusto un mesetto fa. Quanto mi è costato? Meno di nove euro. Quanto costerà per le due prossime console? Diciamo 59 Euro, forse 65. Considerando che aggiungeranno qualche extra per motivare un prezzo in linea con le uscite retail standard, direi che si tratta di una previsione realistica. Non è finita.
Tramite siti come il già citato Steam o GOG, proprio in questi giorni potrete accedere ad offerte per titoli come Dishonored (meno di 10 Euro) o Bioshock Infinite, già impostati con i nuovi motori grafici che sfruttano le Dx11 o effetti come PhysX o TressFX. Effetti fuori portata per i largamente pubblicizzati hardware delle nuove console.


PhysX : effetti particellari di grandissima atmosfera e realismo! Questa è un' immagine di gioco




Chiome fluenti in mostra! Ma che balsamo userà?! Sempre immagine di gioco

Per carità, forse sono dettagli che non rivoluzionano l' esperienza di gioco, ma vi assicuro che giocare ad un titolo simile per giunta pagato pochi euro, lascia basiti!

Va inoltre considerata la presenza ormai fissa del pagamento del feed mensile per il gioco on-line (doveroso ricordare che non è una spesa eccessiva, ma tuttavia presente), nonchè la sempre più insistente ricorsa al modello "paymium", ovvero giochi venduti a prezzo pieno arricchiti di scorciatoie per facilitare il giocatore che sceglie di potenziarsi a pagamento (vedi i giochi EA come Dead Space 3 o FIFA Ultimate Team, oppure Forza Motorsport 5 di Microsoft: consentono di comprare con soldi veri potenziamenti e punti esperienza sbilanciando il gioco on-line a favore di chi investe più denaro).

Ecco perchè a mio parere, il fattore costi va analizzato con meno superficialità della semplice e semplicistica considerazione "ma la console costa meno". Costa meno apparentemente: giocare in full hd con effetti next-gen basati su DX11 ed altre librerie grafiche equivalenti (cioè i punti di forza del marketing di questa nuova generazione), è possibile farlo su PC già da tempo, risparmiando notevolmente sugli acquisti dei giochi. Aldilà del successo o insuccesso delle Steamachines e del relativo sistema operativo "Steam OS", abbiamo quindi una interessante ed attraente opportunità videogiocosa per le mani, già concreta.

Per quanto riguarda l' argomento multimediale, non credo di dover ricordare le caratteristiche universali di un PC, tali da porlo in una posizione irragiungibile per qualsiasi console. Ma qui entriamo in un terreno davvero sconfinato e legato ai gusti personali, nonchè alle possibilità economiche.

Vi lascio quindi alle vostre valutazioni, sperando che abbiate colto il senso dell' articolo: non l' ennesimo spunto per la noiosa polemica console-PC , ma il tentativo di fornire una giusta valutazione di un fenomeno tornato in auge e magari, il suggerimento per un eventuale prossimo acquisto vidoludico.

Vi auguro ovviamente Buone Feste!


P.S. dovevo mettere un video di Tomb Raider girato con Nvidia Shadowplay, al momento difficoltà di linea mi impediscono di farlo, cercherò di inserirlo nei prossimi giorni!



5 Commenti:

  1. (h) (h) (h) (h) (h) (h) (h) (h) (h) (h)
    Un tempo la console aveva un sacco di vantaggi rispetto al pc, e come macchine erano decisamente più potenti di tanti pc loro contemporanei (il mio windows 98 non riusciva a far girare un gioco del 64 manco a morire).
    Oggi il pc surclassa tutto, offre un sacco di vantaggi, dal prezzo dei giochi alla qualità se confrontati con le versioni per console. Poi c'è tutto un panorama di giochi indie a prezzi davvero stracciati e assolutamente da giocare (Terraria lo si consiglia sempre, quando è scontato costa circa 2 € e ti intrattiene e diverte più a lungo di tanti, troppi giochi per console che costano 30 volte tanto). Senza scordare che le console oramai stanno raggiungendo prezzi davvero elevati se paragonati al costo di un pc (che puoi usare per mille altre cose).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente , hai centrato tutti i punti della riflessione. Certo, chi dipende da alcune IP nate su console probabilmente sceglierà di proseguire in quel modo, ma in ogni caso gli consiglio di pensare se non sia stato semplicemente accecato dal marketing ;)

      Elimina
    2. Si indubbiamente, su Pc di certo non ci sono Zelda o Golden Sun, però per chi non è particolarmente interessato a certi giochi il Pc ha praticamente tutto quello che si possa volere.

      Elimina
  2. Personalmente ho fatto il percorso inverso, mi sono dato al Pc quando molti preferivano le console, ed ora che c'è una sorta di ritorno al Pc io preferisco le Console. Devo ammettere che gli spunti forniti sono molto validi (demonizzano un pochino le console e Tomb Raider è un esempio un pò marginale) ma di certo aiutano. Mi piacerebbe invece leggere qualcosa di più su Steam, ma probabilmente sarei più interessato ad una console Android Based che lo supporta che non tornare realmente a giocare su Pc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a mio parere proprio vedere come gira TR su PC chiarisce molte cose, ed è uno splendido gioco oltretutto. Un altro esempio può essere Batman Arkham Origins, in particolare se si dispone di uno schermo grande (dai 37" in su ) e si gioca a distanza abbastanza ravvicinata tipo 1,5 mt si scopre un mondo nuovo. RIguardo una console Android che supporti Steam penso che sia in là da venire, forse intendevi Linux...o forse non ho capito cosa intendevi! :)

      Elimina