mercoledì, gennaio 08, 2014
5

Per ammazzare il tempo potreste anche prendere in considerazione di bruciarlo in un camino, vi terrà alla larga dalla noia... ed al caldo!

Little Inferno è un indie per PC, WiiU, iOS, Android e Linux sviluppato dalla Tomorrow Corporation, un team composto da 3 persone: Kyle Gabler, Allan Blomquist (che han lavorato su World of Goo) e Kyle Gray (designer di Henry Hatsworth in the Puzzling Adventure). In questo gioco si bruciano cose. Tantissime cose. Di ogni genere. Per questo è considerato un sandbox: potremo prendere oggetti dall'inventario, piazzarli nel camino come più ci piace e bruciarli, spostarli mentre bruciano, buttare altra carne sul fuoco e via così, in uno sconclusionato ed eterno ciclo di fiamme ed esplosioni.
Più roba bruciamo e più soldi ci verranno dati, da spendere ovviamente per comprare altra roba da bruciare nel nostro nuovo Caminetto d'Intrattenimento Little Inferno. A che pro? Nessuno, apparentemente.

 

"Little Inferno è stato progettato per essere un giocattolo CALDO e SICURO"

Un piccolo inferno in miniatura, o un caminetto elettronico, nello schermo del vostro pc/televisore/smartphone.  Un gioco molto ambiguo. Little Inferno è pensato per divertire? O è una parodia di un gioco? Vuol esser giocato o vuol giocare con voi, ridendo del tempo che ci perdete dietro? Le meccaniche del gioco ve lo ho già dette tutte: si prendon cose, si metton nel camino, si bruciano, se ne prendono altre e si bruciano a loro volta. Sembra un po' la metafora della società moderna. Non ci sono obiettivi veri e propri e non è richiesta alcuna abilità. Non state sfidando nulla, non c'è multiplayer e non ci sono record. C'è solo una lista di combo da completare, bruciando determinati oggetti insieme, e vari cataloghi da sbloccare. Un'esperienza fine a se stessa, che vuol forse puntare il dito proprio a tutti quei giochi privi di senso dietro ai quali si perde tanto tempo per niente. Un'esperienza che vuol divertire tutti quelli che da piccoli adoravano stare davanti al camino del nonno e veder la legna carbonizzarsi e andare a pezzi. Solo che in questo gioco oltre alla legna bruceremo bombe, siringhe, cibo, statue, riferimenti videoludici, libri, giocattoli, galassie e pianeti. E perfino le foto presenti nel nostro pc (le ragazze si divertiranno a far falò con le foto degli ex). Ed è dannatamente divertente, ogni oggetto ha le sue proprietà e brucia/esplode a modo suo.

"Rapporto dal pallone meteorologico, sopra i camini, sopra la città"

Perchè stare tutto il tempo davanti ad un camino? Perchè fuori fa freddo, ovviamente. Little Inferno ha una sua trama, che si svelerà pian piano al giocatore sotto forma di lettere (ovviamente da carbonizzare) ricevute dai vari personaggi del gioco. Ed è nella trama che si cela una buona parte del fascino di questo titolo così strano. Il giocatore non può muoversi, e guarderà sempre al focolare Little Inferno. Perchè giocare fuori al freddo quando davanti al camino si sta così bene? Inutile dedicarsi ad altro quando si può bruciar tutto lì dentro, anche le preoccupazioni.
Giocare con la gravità, bruciare, congelare, spegnere, accendere, girare, lanciare e tutte queste cose sono l'anima di questo indie così piccolo ed esplosivo. Ma tagliamo corto: Little Inferno è un gioco valutabile? Ni. Questo gioco è "un'esperienza", qualcosa da provare, si o no, un voto è qualcosa di poco adatto a questo genere di prodotto. Little Inferno è da giocare, questo si. Se lo trovate scontato prendetelo senza rimorsi, vale sicuramente la pena per 4 o 5 euro (il vostro recensore l'ha preso per 3 euro circa). Ha i suoi difetti, per i quali non gli darei più di 7/10 se si trattasse di un gioco "classico", visto che non ha alcun livello di sfida e non richiede abilità, non ha scopo e non dura molto. Se si vuol solo finire il gioco lo si termina davvero in un pomeriggio, ma se volete bruciare e sperimentare vi divertirete per un po'. Molto bello lo stile grafico adottato, crea la giusta atmosfera per questo gioco così cupo e al tempo stesso spensierato.



A seguire uno spoiler totale del gioco, per chi ha già finito Little Inferno o chi non intende proprio giocarlo (perchè stai leggendo questa recensione??), ed il motivo per cui è così speciale. Siete avvisati.

"Il futuro è... Tomorrow"
Tutto in cenere, su su su per il camino. Il tempo, i sogni e le speranze.
Alla fine ci si rende conto, una volta distrutto il diabolico congegno, che è stato tutto tempo perso (almeno per il personaggio, io mi son divertito parecchio a carbonizzare roba!) e che nella vita si buttano via un sacco di occasioni. Questo il messaggio del gioco: state bruciando il vostro tempo, svegliatevi dal vostro torpore.
La seconda metà del gioco, una volta fatto andare in tilt il Little Inferno, è la più ispirata e interessante. Il personaggio si rende conto di esistere e giunge ai cancelli della Tomorrow Corporation, riuscendo così ad avere un colloquio con Miss Nancy, la progettatrice del caminetto d'intrattenimento. Ci racconta di sogni, di cose da fare e di possibilità negate. La città si fermerà un giorno, bloccata dal gelo. Scoperta la realtà non ci si può più voltare indietro, la casa non c'è più, è il momento di andare avanti. Così il protagonista si avventura fuori dalla città e con l'Uomo delle Previsioni finalmente partiamo, sopra i camini, sopra la città. All'avventura.
Little Inferno è un "giocattolo" che divora il tempo dei giocatori, lasciandoli nel torpore della loro mente, nel tiepido calore della casa, più accogliente della fredda realtà che sta fuori dalla mura, "dove nevica da sempre, e non sappiamo perchè". Il protagonista infatti è sempre rimasto davanti al caminetto, senza mai voltarsi. Ma è fuori dalle mura che sta il mondo, se non ci si muove non si arriverà da nessuna parte. Ed è proprio questo che la vicina di casa, Sugar Plumps, nota quando la sua casa va a fuoco: fuori ci sono un sacco di possibilità, ed incoraggia il protagonista a fare altrettanto.
Il gioco vuol quindi smuovere tutti coloro che si fermano, che non voglion più affrontare "il freddo", quelli che preferiscono l'immobile comodità allo scomodo movimento.
E questo arriva a spiegare perchè quei maledetti pacchi alla fine ci mettevan tutto quel tempo per esser consegnati. Quelle attese eran lì proprio per render più diretto quel messaggio finale, quel tempo "bruciato". Spietato e cinico, questo è Little Inferno. Un gioco che racconta di come la vita possa venir bruciata poco alla volta senza concludere niente.




5 Commenti:

  1. Non ho capito molto... o meglio, ho capito che non c'è molto da capire, ma che la cosa è voluta e che quindi c'è dietro parecchio da capire. Capito? Comunque non ho letto lo spoiler, ma il fatto che esista uno spoilerone così mi invoglia, insieme alla tua recensione, a provare il gioco. Ho un gruzzoletto sul Nintendo ID, potrei investirne una parte...
    Bella Rece comunque! (h)

    RispondiElimina
  2. Esatto, c'è dietro qualcosa da capire che se dicessi direttamente nella recensione renderebbe meno interessante l'acquisto, dal punto di vista della trama. Tuttavia per completezza ho aggiunto il pezzo finale, ovviamente con uno spoiler warning. Le meccaniche di gioco invece son così semplici che come vedi c'è ben poco da capire: si bruciano cose. Facile come bere un biccher d'acqua :-) So che su WiiU era scontato qualche tempo fa, se costa ancora poco provalo!

    RispondiElimina
  3. uno dei miei giochi preferiti della scorsa generazione è stato world of goo,partendo da questa premessa si capisce che all annuncio di little inferno la gioia si è impossessata di me,ricordo le prime immagini delle fiammelle,ricordo zero informazioni,ricordo che azzardarono ipotesi,un nuovo titolo di goo,sarà di certo il seguito di worl of goo....ed invece nada,tutto diverso e come sottolinei tu questo è un non gioco....
    Sono certo che in qualche modo potrebbe anche piacermi,anche la mini trama di world of goo per quanto accompagnasse solo l avventura e fosse un puro contorno intrigava ed incuriosiva.
    Io però da questi signori mi aspettavo un ennesimo capolavoro di gameplay e non un non gioco

    lo spoilerone l ho saltato anche io...non si sa mai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. World of Goo lo recensirò prossimamente! :)
      A differenza di Little Inferno, quello è un gioco vero e proprio e ti fa pure spremere le meningi in certi livelli!
      Ma Little Inferno ha un fascino tutto suo devo dire. Un gioco futile, che fa della inutilità il suo fulcro ma che nonostante ciò intriga tantissimo. Hai fatto bene, nel dubbio, a evitare lo spoiler!

      Elimina