venerdì, gennaio 17, 2014
7

" ho toppato"

...le profezie di un gruppo di disperati, postate regolarmente sul forum di un sito only-Nintendo, si avverarono. Tra accuse di tappeti sporcati e farneticazioni varie, i coraggiosi e strampalati veggenti vennero marchiati e banditi per la loro impudenza. Fu così che essi unirono le proprie forze - in modo assolutamente disorganizzato e improduttivo - resuscitando il Momo's Blog. Fu così che questo sito ormai sopito, abbandonato anche dal suo creatore, riacquistò un senso (più o meno). Il Momo's Warp prese forma, così come un' antica fenice resuscitata dalle sue ceneri che torna a volare.... così come un mozzicone  buttato sul marciapiede che offre la sua ultima aspirata al barbone di turno.

Essì bisogna dire che a suo tempo ci beccammo, eccome: Wii U a distanza di oltre un anno dal lancio, fatica a conquistare un mercato. Arranca, non riesce a convincere nuovi acquirenti. E' praticamente abbandonato dalle terze parti.

Eppure le premesse alla sventura erano molte: le caratteristiche tecniche sembravano un po' scarsine per fronteggiare le future Playstation 4 ed XboxOne, le uscite annunciate erano composte per lo più da giochi vecchiotti venduti a prezzo pieno, non c' erano grossi titoli disponibili nel breve periodo, il controller principale non era più il Wiimote (delegittimando la rivoluzione del motion control portata proprio da Wii pochi anni prima), il servizio on-line lasciava parecchi dubbi e tante tante altre cose ancora.

Come sia stato possibile non vedere tutto questo, francamente resta un mistero.

caro Iwata..niente da dire??

Iwata evidentemente puntava troppo sul successo del Wii, sorvolando sui punti deboli della sua strategia "blue ocean" e credendo ciecamente in quelli che riteneva fossero elementi vincenti. Iwata si era "dimenticato" che il mercato del Wii era ampiamente instabile: non aveva forgiato una roccaforte di fedelissimi come quella che si formò su NES e successive home console. Le altre due console, quelle di Sony e Microsoft (ed analogamente Steam su PC), con il loro approccio più tradizionale invece sì, hanno instaurato un legame e creato un senso di appartenenza nella maggioranza dei propri clienti. Il successo di Wii è stato "rubato" dai giochini di Facebook, dai telefonini, dai tablet ovvero da tutti quei dispositivi che offrono divertimento "semplice" a basso costo. Tutti questi sistemi sono andati a pescare i pesciolini nell' oceano di Iwata!

Comunque vada o la si pensi, Nintendo sarà la prima perdente della generazione: dopo aver conquistato le case di oltre 100 milioni di persone con la propria home console, faticherà moltissimo a piazzare anche solo la metà nei prossimi anni. Ad oggi è addirittura un' utopia pensare che supererà i 20 m.ni di pezzi entro 3 anni.

La mia personale verità, è che la console sia in realtà una discreta macchina con diversi buoni giochi disponibili ed altri in uscita, però interessa a pochi: il nerdone/hc gamer non ci trova abbastanza; l' appassionato nintendaro di vecchia data, abituato ad avere una console di nicchia ma invidiata da tutti, è rimasto scettico sulle strategie recenti della casa di Kyoto e non ci si ritrova più. I casual gamers, dopo essersi appassionati a wii fit e company, hanno rivolto la loro attenzione alle nuove mode tecnologiche e scoperto nuovi interessi..la novità del pad con touch screen o del gioco in streaming non è stata folgorante come fu invece il  Wiimote: siamo circondati da dispositivi "touch", uno smartphone moderno fa di più e costa uguale o meno, la gente comune chatta con Uozzapp e non sente la necessità di Miiverse. Quasi tutti hanno a casa un tablet.

Onestamente un' ottima console, mal pubblicizzata e sottosfruttata


Quindi? La mia opinione è che Nintendo deve tornare a fare... Nintendo, perchè solo appassionando altri giocatori, convincendo nuove generazioni potrà evitare di diventare una software house per le altrui macchine.

Sono sicuro che abbia ancora le capacità di creare e stupire, ma deve limitare la politica del braccino corto: serve investire bene in nuovi giochi, promuovere nuove idee, arricchire il proprio panorama di titoli. Basta copiare e riciclare all' infinito le stesse idee aggiungendo qualcosina qui e lì. Lascino queste cose ad altri ed al loro Call of Duty o FIFA annuale.

Eppure di spunti per tentare nuove strade ce ne sarebbero stati parecchi : perchè non hanno proposto un proprio gioco "alla Skylanders"? Potevano fare tanti, tanti soldi vendendo action figures dei propri personaggi ed offrendo un gioco davvero entusiasmante. Avrebbero unito collezionismo e videogioco. Invece lo ha fatto Disney...Nintendo poteva fare un gioco 100 volte migliore, senza se e senza ma.




tutti questi personaggi non potrebbero essere sfruttati in maniera migliore?


Perchè non proporre un Hyrule on-line? Un mondo di gioco persistente da giocare via web, ricco di quest e basato sulla collaborazione tra utenti.
Free to play.
Solo per console N.
vedo già lo slogan: "..e fuori casa continui l' avventura su 3DS!"
Ed intanto vendi console. Ai giapponesi non sarebbe piaciuto? Oh sì, io dico di sì.
Non conto nulla ovvio, ma non sto nemmeno floppando con una console.


uno strategico basato su Hyrule! Doh!! Altra grande idea che Nintendo NON ha avuto


Perchè non lanciare nuove serie che riscaldino il cuore degli appassionati? Nuove saghe, nuovi personaggi, o almeno trovare sistemi di gioco coinvolgenti, invece di deturpare l' immagine dei vecchi eroi infilandoli in giochi inutili. Sì inutili, come il prossimo Dynasty Warriors ibridato con Zelda.

Instaurare nuove collaborazioni, investire sui giochi, far tornare i Nintendari a casa: certo non si arriva ad una console da 100 milini di giocatori in questo modo, ma magari da 50...ma 50 milioni di utenti che comprano anche i giochi, non solo 2 titoli in 5 anni come accadeva nella scorsa generazione (Wii Fit e Mario Kart...tanti utenti della vecchia console si fermavano a questi due più Wii Sports).

Sony riuscì a risollevare PS3 dall' ombra di Xbox360 a suon di investimenti sui giochi e di tagli sui prezzi di vendita...perchè non prendere esempio dagli altri? Perchè pensare di non aver nulla da imparare, quando i fatti recenti dimostrano il contrario?

Pochi giochi a catalogo possono essere accettabili: ma devono essere capolavori.
Basta giochini a basso costo. Basta produzioni tanto per riempire i buchi delle uscite.

Voi che ne pensate? Se Iwata chiamasse voi, che soluzioni proporreste?






7 Commenti:

  1. Eh, ricordo quando Nintendo collaborava con Capcom, sfornando gli OTTIMI oracles e minish cap.
    Son tempi andati, ora è tutto in rovina e non c'è più niente da fare. Confido, se ci sarà, nella prossima home console di nintendo. Dopo una simile bastonata sui denti penso proprio che torneranno sui loro passi e produrranno qualcosa di unico. Insomma, avranno pur capito i loro errori. Che poi mi dispiace e mi lascia pure basito pensare che proprio Nintendo possa aver fatto degli errori così stupidi.
    Che poi davvero, per sollevare WiiU non ci vuole chissà che roba. Per i fan nintendo basterebbe solo produrre qualcosa di fresco, rinnovare con quell'originalità che solo nintendo aveva le proprie saghe e via. Lo hanno fatto per anni, non capisco perchè ora non ci riescan più. Sembra quasi che non vogliano, più che non riuscirci.

    RispondiElimina
  2. La scelta di W ii meno performante della concorrenza ma con una sua anima,un suo modo di giocare diverso è stato vincente.
    Nintendo era in difficoltà dopo n64 e gamecube,ed è tornarta forte e con le casse piene.
    wii u era un bivio,la strada presa è quella ovviamente sbagliata

    tutte le aziende fanno ricerche di mercato,nintendo anche.
    ha gente che vive nel mondo dei videogames dagli albori dell industria....
    ora,io,noi,chi frequenta il blog,abbiamo una percazione della realtà diversa da nintendo,paradossalmente loro dovrebbero avere le idee molto + chiare di noi

    noi ci siamo accorti che esiste gente che guarda SOLO la grafica,e che questa gente è la maggior parte,è feccia?non capiscono una mazza? sono l equivalente dei casual?
    come li si vuol considerare non importa,la cosa di cui tener conto è che il grosso del mercato sono loro,e wii u non rispecchia le loro esigenze

    tutti noi abbiamo capito che negli ultimi 2 anni wii è stata letteralmente abbandonata dall utenza,alla nintendo avevano tutti gli strumenti per capire che wii era un successo monco,una vittoria di Pirro,come dice bene Simon l utenzaq W ii si è dispersa,quante volte abbiamo detto che non era gente legata al marchio?

    Wii U è la risposta di Nintendo ad una domanda che nessuno aveva fatto,li dove c era da limare dei difetti si sono compiute le stesse cavolate aggravate dal fatto che,consci di quanto avvenuto per Wii,molti non sarebbero saliti sul carro senza le dovute rassicurazioni,che oggi,a distanza di oltre un anno,non solo non sono arrivate,sembra chiaro non arriveranno proprio

    Ah per esser chiaro,la soluzione non è una console potente e basta,la soluzione è portare la compagnia sul livello delle concorrenti,anno di grazia 2014,servizi,online,grafica,applicazioni,extra games,social network,pubblicità,prodotti per un pubblico maturo,nessuna stupida restrizione(codici amico,blocco fino alle 23 dei contenuti + 18,manovre contro i n pistolini dei giapponesi,etc etc etc), se a questo si aggiunge il valore aggiunto(purtroppo smarrito per vari motivi)delle produzioni Nintendo,si può guardare avanti,altrimenti non v è futuro

    scusate se mi sono dilungato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure ci è sempre stato detto che avevamo torto, che eravamo dei menagrami e che non capivamo nulla del GENIO di Iwata (che invece ha dimostrato di aver avuto solo una botta di fortuna e di non aver ben chiaro come portare avanti il suo successo).
      Quello che a me infastidisce non è che Nintendo non venda, ma che oltre a non vendere abbia creato una console simile. N64 e GC non hanno venduto come Nes e Snes, ma erano comunque due console validissime che ho sempre difeso ed adorato.

      Elimina
  3. o la Nintendo fa una console come le altre o per lei sarà sempre così.. anzi, secondo me spiazzerebbe molto di più il mercato se portasse giochi come Pokèmon o i vari Mario su console attuali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, io credo che per Nintendo ormai sarebbe dura anche se facesse una console di livello superiore alle altre. è stata bollata in un certo modo, difficile cambiare nomea. Oltre a pareggiare i conti dovrebbe tirare fuori un qualcosa che le altre non hanno e che il pubblico (specialmente se ignorante in materia) vorrebbe.

      Elimina
  4. Credo che ormai la strada sia una sola: salvare il salvabile su WiiU con titoli di spessore e continuare a vendere 3ds su 3ds!
    Nel frattempo, occorre cambiare tutti i vertici: via Iwata, via Reggie, un commiato per Miyamoto contando su di lui come consulente e nulla più. La nuova dirigenza dovrà a quel punto cambiar faccia all'immagine dell'azienda e convincere i pubblisher sfornando poi una macchina all'avanguardia.
    Oppure.....solo più software house!

    RispondiElimina
  5. è da anni che ci penso a sta cosa: i classici Nintendo portati ad un altro livello, più moderni. si può fare benissimo e sarebbero delle piacevoli e rivoluzionarie sorprese!

    RispondiElimina