domenica, aprile 27, 2014
24
C è una trafila che tutti noi Nintendari di vecchia data abbiamo dovuto fare,la gavetta tecnologica che ci ha costretti agli albori di questa industria ad immaginare le avventure che giocavamo tanta era la povertà con cui su schermo venivano rappresentate le nostre gesta.
Ho già espresso questo concetto in un vecchio post,lo uso oggi come premessa,per far capire agli eventuali giovani che si cimentassero nella lettura del pezzo da dove parte e come matura il mio punto di vista.
Come sono cresciuti i videogiochi ed a che punto sono arrivati oggi?
Primo impatto senza dubbio quello tecnico,adesso non abbiamo più bisogno di immaginare nulla tanto è verosimile quanto vediamo,al palo rimane l aspetto ludico,le nuove possibilità di gameplay,nuovi spazi,nuove azioni da compiere,maggior interazione con l ambiente,moltitudini di cose e persone,un intelligenza credibile,varietà nei comportamenti e non sempre le solite 3-4 frasi a cazzo ripetute all inverosimile,relegato in un immaginaria seconda fascia nell importanza del confezionamento del prodotto finito,salve rare eccezioni,salvo rare software house.
Qualche fanboy tra i molti che seguono/seguivano il blog starà già mugugnando cose assurde in merito a Nintendo,alla sua linea vicina al giocatore ed alla sua sventolata Nintendo difference.
Differenza che spesso a mio avviso è ormai li solo a rimarcare un arretratezza concettuale e tecnica.
Chi scrive è un Nintendaro sin da sempre,che memore delle tante bastonate sui denti non ha preso WiiU e non lo prenderà salvo miracoli.

WiiU una console con tanti punti in comune con il GameCube ma con una line up poverissima,sostenuta da nessuno,voluta da nessuno e con appeal ZERO,a meno che...a meno che non si porti Nintendo dentro,a meno che con i titoli Nintendo non ci si sia cresciuti.
Ed è proprio per questo motivo che nella disfatta palese e totale c è una speranza,quella di vedere una Nintendo d altri tempi tornare a fare giochi attuali e non sbiadite attualizzazioni di giochi vecchi nelle meccaniche,nel gameplay e con un comparto tecnico inadeguato.
La speranza suprema è sempre la stessa,titoli first party di inumano valore,l eccellenza che spesso ha contraddistinto la software house nipponica e l ha nel corso degli anni fatta diventare per capacità e blasone la più famosa del mondo.

Alla luce dei titoli usciti e di quelli di prossimo rilascio,c è da constatare nonostante le condizioni in cui è costretta a lavorare,una buona verve di Nintendo,fa tutto lei,e per questo la ricerca del particolare spesso viene meno,non ha un target chiaro,ed è costretta a fare giochi per tutti,anche se,quando vuoi accontentare tutti,spesso non accontenti nessuno.
Un super Mario osannato dalla critica,una critica forse fatta di giovani leve che di Mario sanno meno di quanto dovuto a sua maestà il platform,un gioco che ha convinto le testate,ma che ha poco a che fare con un platform 3d,vari more of the same in veste bidimensionale e tra poco il ritorno dell ennesimo Mario Kart,che promette decisamente bene,ed un SSB che perde la parte più affascinante del gioco la storia,il comparto enciclopedico per diventare un mero picchiaduro atipico.
Questi i brand di punta disponibili o che arriveranno a breve,nel mezzo alcuni titoli curiosi e simpatici,giochi come Nintendoland o l upgrade di WiiFit che poco aggiungono,che non hanno mordente per chi sta ancora sognando la nuova incarnazione di Zelda o di Metroid,per chi spera in un E3 all altezza pur sapendo che Nintendo non vi parteciperà se non con postazioni prova,o peggio ancora sperando nell ennesimo Nintendo direct,che finisce sempre per uccidere le speranze e mortificare chi ancora spera.
Non ho parlato di terze parti volutamente,sia perchè di fatto non ve ne sono molte che credano nella macchina,sia perchè la magia di una console Nintendo è data da Nintendo stessa,e solo in seconda battuta da chi porta i suoi titoli.
A che serve questo articolo? A nulla fondamentalmente,serve a spiegare a me perchè credo sia lecito aspettarsi uno Zelda maturo con dinamiche alla Skyrim,perchèquella è la strada giusta se Nintendo vuol tirare la testa fuori dalla buca,perchè non è più possibile restare vincolati a giochi muti e versetti scemi,non è quello che le persone si aspettano,non è quello che il consumatore,il gamer si aspetta,non lo dico io,o meglio,io lo dico da anni,ora lo dicono anche i numeri.
Questa sorta di editoriale finisce così,a cazzo di cane come è cominciato,senza ragione di esistere,senza alcuna logica,ma con un rimando al FORUM per lo speciale sullo ZELDA CHE CREDO LA GENTE VOGLIA

PierNano (VcVaV)

24 Commenti:

  1. Perchè continuate a mettere la foto del ragnone del fantomatico nuovo Zelda?Quanto dobbiamo soffrire ancora per quello che non sarà?
    Comunque è un bel editoriale, alla glandis canis, ma ha davvero un suo perchè nel non dire un qualcosa nello specifico!

    RispondiElimina
  2. E' la mia dote migliore,scrivere molto per non dire nulla (h)

    Avrei voluto parlare del prossimo Zelda,poi ho deciso di farlo in uno spazio apposito e lasciare queste perle di nulla ai posteri :)

    RispondiElimina
  3. Figa nano, avevi fatto tutto bene e all'ultimo hai fatto lo scivolone. Alla Skyrim? Cos'è, ti piacciono i giochi brutti ora? Le dinamiche di Skyrim? Detto così te vuoi uno Zelda enorme e brullo, con il niente ovunque ed il nulla di niente da fare e scoprire. Caverne intricate come le mie tasche, battaglie noiose, personaggi noiosi, oggetti noiosi, trama noiosa, posti noiosi, localizzazione a culo e tutto il resto? Che ne è stato di Elder Scrolls [-(
    Skyrim è TUTTO il contrario di Zelda, sono agli antipodi. Sai che OGNI VOLTA che qualcuno fa il paragone Zelda-Skyrim un coniglietto MUORE? Eh? Lo sai? E Gesù piange! E a me vorticano le palle. Mi dispiace nano, sei fuori 8-)
    D'accordissimo su tutto il resto, pure io vorrei vedere dei netti passi avanti (che fino al GC erano evidenti!). Ma la conclusione del tuo articolo è da bocciatura :-)

    RispondiElimina
  4. in primis comunico che è notizia di oggi,ma io essendo figo l ho anticipato ieri,che Nintendo non farà una conferenza al E3,anche perchè una conferenza per annunciare giochi già usciti + Bayonetta ed X non serve a nessuno,possono benissimo fare il classico direct :asd:

    @ Kerbs,parlando in termini prettamente commerciali Skyrim è quello che evidentemente il pubblico vuole,al contrario di Zelda SS evidentemente.
    Ora,essendo tu un ragazzo sveglio,avresti dovuto estrapolare meglio il concetto.
    Zelda è fermo dai primordi a meccaniche che andavano bene 20 anni fa,ma che oggi non sono in linea con la volontà del gamer.
    Skyrim va preso come esempio di gioco vasto(avrei potuto dirti Darksiders,che è il figlio prediletto di Zelda),con una moltitudine di cose da fare,che poi a te non piacciano ci sta,con un infinità di luoghi da visitare e con una spaventosa serie di personaggi,dialoghi,armi,cazzi e financo mazzi.
    Ora Skyrim ha un sacco di problemi,ed è obiettivamente un passo indietro della serie MA,ma ne è comunque un evoluzione,perde una parte di rpg e prende un pizzico d azione in più.
    Il concetto è questo,un nuovo Zelda con
    - la solita solfa di link che non sa un cazzo e si trova a dover intraprendere un avventura
    -3 tempi per poter accedere alla master sword
    -dopo di ciò acqua-fuoco-deserto
    -suoni o versetti
    -le rupie inutili
    -sempre le stesse dinamiche

    insomma,non voglio scrivere un tema,il passo dopo SS non può essere tornare a TP,deve essere qualcosa in più,e NON DEVE ESSERE UN GIOCO PER TUTTI se i bambini ed i vecchi non riescono a finirlo,STICAZZI deve essere una storia che vada oltre all hanno rapito la principessa recupera la triforza recupera la spada e trafiggi il ganon di turno,passando tra puttanate come la badopulta o ganon marionetta !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si appunto, non dev'essere un gioco per tutti. Skyrim è un gioco per tutti invece (trovami uno che non riesce a finire quel gioco in cui la difficoltà non esiste ed il gioco ti accompagna con la manina). Uno Zelda "come Skyrim" venderebbe come il pane, senza dubbio, e sarebbe una pugnalata alla serie tanto quanto Skyrim. Insomma nano, quando si cita Skyrim come esempio di cose positive proprio non posso star zitto, quel gioco a mio avviso è solo un fuoco di paglia.
      Sull'espandere Zelda sono sempre d'accordo, le dinamiche che citi sono oramai viste e riviste nella serie, va bene che non si deve stravolger tutto, ma in certi casi si cade davvero nel visto e rivisto (acqua, fuoco, deserto, come hai ben detto).
      Le rupie poi si sono svalutate tantissimo, in TP e SS proprio piovono come in Tingle's Rosy Rupeeland.
      Per l'E3 spero che non ripetano le stesse cose altrimenti stanno messi male!

      Elimina
  5. senti kerbs,io tra Zelda SS e Skyrim preferisco 10 volte quest ultimo,perchè di salvare una principessa il cui padre è il preside di una scuola con un villaggio di 15 abitanti,che per altro invece di cercarla si chiude a fare la sauna o al massimo sta davanti ad una libreria a pensare,ne ho i coglioni pieni,soprattutto se poi è il re di hyrule e non un vecchio con demenza senile.
    Una guerra inesistente combattuta dal signore delle tenebre contro 4 scolari,uno dei quali è un bullo di periferia che ha la geniale idea di costruire una giostra di mirabilandia da solo per prendere a sassate una specie di barbapapà che per conquistare il mondo deve salire una rampa....
    no dai,mi cascano i coglioni per terra,mi cascano ogni volta che mi affronta un cinghiale,mi cascano quando volo su un tucano gigante nel nulla,il mondo è deserto,non ci sono viaggi da fare,non ci sono abitanti,non ci sono villaggi se non il nostro....
    seSkyrim è merda SS cos è?
    senza citare di nuovo l assenza di libertà,la facilità disarmante,ora capisco che in Skyrim si sia guidati,ma in SS ti viene detto cosa fare come farlo e quando,non scherziamo Kerbs,Zelda nella sua ultima incarnazione ha fatto una caduta paurosa,se il problema era la potenza della macchina,in che modo la situazione può cambiare con un WiiU nelle medesime condizioni?
    Mancano i contenuti,siamo ancora ad un gioco muto,non sanno nemmeno loro che stile usare,l essere epico era un marchio di fabbrica della serie,adesso la cosa + epica è mortipher,che arriva a gioco finito e sembra addirittura fuoriluogo vista la pochezza della stroria fino a quel momento.
    Non cito quanto già ciotato nella rece ironica che feci ma ci sono creature al limite del ridicolo,personaggi inutili e si è riusciti a rendere nulli aspetti prima almeno interessantio anche se solo abbozzati...
    Zelda per come è oggi per me ovviamente,non ha motivo di esistere,preferisco sul serio Skyrim con tutti i bug,senza nemmeno le patch,coi draghi impazziti e chi più ne ha più ne metta,anche considerando che c è modo e modo di giocarlo,come per cod,puoi correre tutta la partita col mitra spianato ed accoltellare i noob da 2 millimetri,o puoi giocare in modo intelligente sta a te scegliere,in SS come cazzo vuoi giocare?

    RispondiElimina
  6. Non entro nel merito della discussione,perchè in finale è una questione di gusti,però Nano hai una visione troppo estrema su Zelda è dal Nintendo 64 che ci sono situazioni e personaggi,diciamo strambi, loro hanno semplicemente portato avanti questo tipo di discorso.
    Non sono molto d'accordo al paragonarlo a Skyrim,visto che (per me) sono totalmernte differenti, piuttosto ho trovato Darksider 2 ( che ho preferito a SS ) più affiancabile a Zelda.

    RispondiElimina
  7. esatto tevildo,darksiders nasce come copiaincolla di zelda,poi si evolve mentre zelda regredisce...ma questo è un altro discorso...
    su skyrim,non dico che si somigliano,tutt altro,dico che una saga come zelda oggi non ha senso di esistere,per questo personalmente gradirei un cambio di rotta verso le dinamiche di skyrim,e questo non vuol dire che skyrim è il modello da seguire in tutto e per tutto,ma che sicuramente è un passo avanti

    RispondiElimina
  8. Anche per me il modello di Zelda deve essere cambiato o meglio, modernizzato; personalmente sono il primo a voler sentire spicciare una parola da qualcuno,non ne posso più dei mugugni.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, modernizzato si. Molti confondono cambiare con modernizzare. Nano diceva dei villaggi, ad esempio. Ha ragione, Zelda dovrebbe iniziare ad avere più villaggi visitabili, al giorno d'oggi sarebbe il minimo. Ma detesterei se cambiassero cose che dovrebbero restare come sono (tipo l'ambientazione simil-medievale).

      Elimina
    2. tevildo,ma in realtà già accade,il thank you ed il bye di Terry, l hei listen di navi non ti accontenti mai!

      Elimina
    3. Non dimenticatevi gli urli di Link quando cade da altezze considerevoli :-)

      Elimina
  9. @Tevildo: esatto, sono decisamente diversi. Paragonarli è insensato, come paragonare Paper Mario a Mario64 solo perchè in entrambi c'è Mario (però questi son due giochi da 10, a differenza di Skyward e Skyrim che anche se nel nome hanno "sky" dovrebbero solo starsene sottoterra).

    @Nano: ti vedo confuso. Zelda su quelle cazzate mostruose non è cambiato per niente. Fin dal primo Zelda è così, che ti piaccia o meno la trama stupida di Skyward non tradisce poi granchè la serie su certi punti. Ti ricordo che in Ocarina of Time il destino di un regno viene dato in mano ad un bambinello uscito dalla foresta, ti ricordo che in Ocarina c'è Mido che come personaggio sta sotto al bullo di Skyward (Mido ha personalità solo quando sei un bambino e giochi al N64, anni dopo ti rendi conto che è un nulla di personaggio). Sulle meccaniche di Skyward e la limitatezza del suo mondo invece ne abbiam già parlato e sono d'accordo, ma Skyrim è "Gioco Generico del 201x: Il Gioco". Se poi l'unica cosa che guardi sono i cinghialotti, la potenza ed il doppiaggio, ah allora si, Skyrim è molto meglio di Skyward. Ma come metro di paragone è misero, a questo punto Kirby fa schifo perchè è puccioso, mentre invece sono dei giochi molto belli i suoi. Ah, Skyward ha i suoi bei controlli, dei dungeon belli (tra i migliori della serie), il suo bel comparto audio (Skyrim che temi musicali degni di nota ha, a parte quello principale che è poi ripescato da Morrowind?), il suo livello di sfida non del tutto stupido come negli ultimi usciti e poi i suoi ovvi difetti (mondo di gioco noioso, trama diluita). Ma Skyrim? Skyrim dice "vieni giocatore, distruggi tutto che tanto sei onnipotente". Fine. Il gioco non ci prova nemmeno a fermarti. Skyward può esser comunque facile per un fan navigato, Skyrim è facile perfino per mia nonna. Però si, pure Skyrim ha il suo appeal, in altri punti, il fascino del mondo vasto e la grafica graficosa che è poi quella di Oblivion pompata e mal ottimizzata. Si, pure io dico "facciamo uno Zelda più 'serio', ci sta", ma serio non significa Skyrim (che è una barzelletta), serio significa fare qualcosa come Borderlands 2 (che di serio non ha nulla essendo demenziale, ma figa se caca in testa a Skyrim per chilometri) o Darksiders come dice Tevildo.

    VERSIONE CORTA: stai paragonando due giochi (che cancellerei dalla storia) dicendo che x dovrebbe essere come y, che invece fa cacare come x. Io ti dico: prendi un esempio z che sia chiaramente meglio di entrambi (come ha fatto Tevildo citando darksiders).

    RispondiElimina
  10. no,lo ripeto,non li stop paragonando,ho detto che zelda dovrebbe essere attualizzato,e per gioco attualizzato uso skyrim che ha un appeal diverso rispetto a zelda ss,che di appeal rispetto ai predecessori ne ha perso molto.
    non ho nemmeno detto che le parti ironiche vadano rimosse,anzi sono ottimi intermezzi,ho però detto che basare la storia su un bullo che con 3 altri idioti cercano salvare il mondo,in cui il re di un impero è il preside di una scuola è grottesco,un conto è se come sempre avvenuto ci sono parti/personaggi buffe all interno del gioco,un altro è che il gioco tutto lo sia,che non abbia mordente ne epicità,se si parla di una guerra che in tutto il gioco non si percepisce,in questo tp fu un piccolo ma decisivo passo in avanti,poi subito ne hanno fatti 2 in dietro.
    poi concordo che ss abbia anche dei punti forti,concordo sulla bontà dei dungeon e ci metto anche i controlli,se bene preferisca il buon vecchio pad,ma il tutto è inserito in un contesto troppo infantile,che personalmente mi disturba
    ribadisco anche il concetto della difficoltà,per me va bene se nintendo vuole permettere a tutti di giocare,ma in tutti vanno inseriti anche i milioni di fan della saga che ne conoscono a menadito le dinamiche,quindi la selezione del livello di difficoltà va inserito da subito,e gli aiuti per chi non li vuole vanno disattivati.
    su bado vs mido....beh mido ha la sola funzione di non farci parlare con il grande albero deku prima di aver recuperato la spada e lo scudo nel villaggio kokiri,che come ricorderai era un livello tutorial dovendo insegnare ai possessori di n64 a giocare a zelda in 3d,cosa meno ovvia di quel che sembra all epoca,bado è un elemento cardine della trama di ss,se permetti c è una bella differenza...
    sul comparto audio poi...si,bellissime le musiche orchestrate,veramente molto belle,gli arrangiamenti ed i pezzi "nuovi",ma poi al primo dialogo mi cascano i coglioni,perchè siamo rimasto a 15 anni fa,e se da un lato capisco chi non vuole il doppiaggio di link,non capisco chi sostiene che un gioco muto fatto di ehm ahhh arghhhhh vada bene nel 2014,preferisco un orchestra in meno,ed un doppiaggio in più

    conclusione rapida:
    skyrim sarà un esempio infelice perchè pieno di difetti problemi brutture soprattutto pensando ai precedenti the elder scroll,MA è un passo necessario verso la modernità che nintendo DEVE raggiungere.
    poi,non devono fare uno skyrim a tema zelda,devono coglierne gli aspetti buoni,che ci sono e sono tanti,e creare lo zelda definitivo
    Uno zelda della qualità di ocarina,in un mondo di gioco attuale,è quello che suppongo i fan si auspichino per il prossimo capitolo,non idee riciclate,non un remake come per 3ds,ma un gioco che faccia un salto di 15 anni in avanti,ritrovando la qualità distintiva della serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preciso giusto due cose: l'esempio di mido era per tirare in ballo un personaggio che ricopre lo stesso ruolo di "bullo" che ha Bado (a me Bado sta più simpatico di Mido, per quanto la Badopulta sia una stupidaggine che si potevano risparmiare). Sull'orchestra ed il doppiaggio, preferisco che la precedenza sia data alla OST. Non m'interessa un gioco tutto doppiato e che si ritrova poi con la OST di Other M (per fare un esempio di OST nemmeno orribile, ma proprio inesistente). Sul resto son d'accordo, pure io voglio più esplorazione (o almeno quanta ce n'era in vecchi episodi come gli oracles, PIENERRIMI di cose da trovare e scoprire, caverne e luoghi segreti), e questo non significa "voglio un mondo di gioco gigantesco", bensì, "voglio un mondo di gioco grande il giusto e pieno di cose". Converrai con me che Twilight Princess, per quanto più vasto di Ocarina, aveva meno cose da scoprire. Sulla cosa della guerra, che è uno dei tuoi punti preferiti, ti ricordo che in Zelda non esiste proprio (purtroppo). Pure in Twilight è una baruffa. Ma del resto Hyrule non è mai veramente in guerra con un popolo, al massimo è in guerra contro un solo individuo che per giunta agisce loscamente nell'ombra. In Skyward non si parla mai di una guerra, alla fine è una questione tra l'Eroe ed il Re dei Demoni. Però si, Skyward manca di mordente, tutta la trama è ben poco stimolante (se non alla fine).
      Un po' come la trama di Skyrim. Certo, nei vecchi Zelda non è che la trama fosse sempre lì presente, spesso si era un po' abbandonati, ma erano altri tempi. Come hai detto, bisogna modernizzare. In questo Nintendo era riuscita bene con la serie Paper Mario, ricchissima di trama. Poi sputtanata con Sticker Star, in cui la trama non esiste. Ma ora Nano ti taglio le gambe e ti rivelo qualcosa: alla gente non interessa la trama. Accettalo, tutti i "grandi giochi" avranno sempre meno trama perchè la gente si annoia, la gente vuole solo l'azione. Se cerchi trama, dovrai pescarla altrove. Guarda, di nuovo, Skyrim e confrontalo con Morrowind. Si, è quello di cui parliamo sempre pure sul foro, c'è un calo qualitativo in molte serie negli ultimi anni. Poi su certi siti si dice che "è solo un'impressione", ma a me pare lampante in certi casi.

      Elimina
  11. Ero sempre sul punto di rispondere ma ciò che ha scritto Kerbs riassume praticamente ciò che penso. Zelda SS a mio avviso e come spesso ho ribadito appare raffazzonato, come se a un certo punto si fossero accorti di falle enormi nel progetto ed abbiano cercato di tappare qui e là o di soluzioni infelici come lo stile che ne fonde più di uno per non essere niente. L'ho trovato comunque un titolo divertente proprio per la sua giocabilità, per i dungeon: le meccaniche di controllo-combattimento mi hanno davvero convinto. La storia degli Zelda è sempre stato un argomento dibattuto e ci sarebbe da scrivere milioni di parole a proposito. SS, come per la stragrande maggioranza dei propri obiettivi, ha mirato davvero troppo in alto, accorgendosi solo dopo di non riuscire pienamente nell'intento. Ma ripeto, non è certo il migliore degli Zelda, allo stesso tempo non è immondizia, proprio per le qualità intrinseche della serie che in un modo o nell'altro vengon fuori, pur se appannate sempre di più nel corso degli anni. Twilight Princess per molti versi era un titolo molto meno pretenzioso (ma anche forte di un hardware per performance grafiche adatte al tempo): lo stile, giusto per fare un esempio, ha svariati rimandi ed ispirazioni chiarissime ma fa il suo lavoro raggiungendo gli obiettivi prefissati di illustrazione del mondo e dei personaggi. Rimane però un aspetto soggettivo, poichè uno stile deve sposarsi con la storia che vuol raccontare. Questo NON VUOL DIRE storia adulta=stile adulto, è una gran cazzata e scusate i termini. Volendo fare una altro esempio facile da ricordare e cioè Majora's Mask, tale gioco ha dalla sua una storia piuttosto oscura, addirittura cruda direi, ma usa uno grottesco, caratteristica ben più evidente nei nuovi personaggi. A mio parere Zelda è una serie difficilissima da caratterizzare graficamente: esistono milioni di idee grafiche e stilistiche da milioni di autori che fanno sognare sulla rete e non ma adattarli ad un gioco di Zelda è un'impresa anche se la serie ha dalla sua una capacità di sperimentazione stilistica non comune. A mio parere finchè Ocarina rimarrà la pietra di paragone sarà dura andare avanti (un pò come la serie di Mario e Mario 64): entrambi i giochi sono stati una virata inaudita delle serie che è coincisa con un periodo ed hardware che hanno lasciato il segno. Allineamento di caratteristiche e situazioni irripetibile? Secondo il mio limitato ragionamento si.
    E perdonatemi ma non posso esimermi da un'ultima cosa e cioè la mia piccola testimonianza della questione Skyrim: vi ho giocato sin dall'inizio, essendo un amante della serie Elder Scrolls find alla sua nascita. E, per la miseria, non ero preparato al coacervo di bug che celava il gioco. Per me e credo per molta gente, Skyrim è stato per anni il gioco che rappresentava il motto "il betatesting ve lo fate da voi". Patch che correggevano cose e ne facevano saltare altre, errori inauditi e soprattutto il fatto che ad un certo punto per giocare decentemente bisognava aspettare le patch AMATORIALI invece di quelle ufficiali per poter giocare decentemente, idem per espansioni della storia e aggiornamenti grafici o addirittura ottimizzazioni delle performance. E, badate, non sono neanche entrato in merito alla bontà della giocabilità o struttura di gioco ma una moltitudine dei problemi già citati inficiavano su questi aspetti in modo estremamente netto. E' uno dei tanti esempi che con le giuste manovre si può far ingozzare i giocatori di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (h) Sono d'accordo sul discorso dello stile grafico, che deve anche sposarsi bene con la storia. Majora's Mask è decisamente uno dei migliori connubi storia-stile grafico, crea un effetto terribile. La storia è già tetra di suo, e si mescolano i colori sgargianti di Clock Town con la depressione che si impossessa dei cuori degli abitanti. Si crea un contrasto che rende ancora più "viva" la catastrofe. Ecco, quello che dici sui bug è un altro esempio del perchè Zelda dovrebbe ben vedersi dal prendere quel gioco come ispirazione (tra l'altro pure appellarsi alle mod amatoriali è una soluzione discutibile visto che vanno poi ad impallarti il pc).

      Elimina
  12. Gama ottima analisi,anche perchè di questi aspetti credo tu ne sappia di più.
    C è però da dire che,sensate o meno che siano le scelte,poi c è sempre da scontrarsi con il responso del pubblico,tu puoi mettere anima e corpo in un tuo fumetto,ma se alla gente non piace,o cambi tu il modo di farlo,o smetti di farlo.
    Nintendo deve andare incontro al mercato,non seguirlo come fan tutti perchè altrimenti perderebbe la sua identità,ma fare un passo nella direzione del cliente finale di certo si
    Ad oggi si è avvicinata al pubblico casual semplificando alla morte,scelta anche giusta secondo il ragionamento di prima ma che l ha fortemente penalizzata con il senno di poi.
    Sullo stile giustamente si può parlare all infinito,io parlo di stile "mature" identificando in quello la volontà del pubblico non fosse altro per la mole di materiale amatoriale che si trova in rete,ovvio che se su 10 lavori 7 sono in stile TP 2 in stile WW ed 1 SS i conti si fa presto a farli.
    Sono anche d accordo sull analisi di SS,un gioco che nelle intenzioni molto probabilmente era ben altro,ma alla fine si devono fare i conti con le potenzialità della macchina,e come nel caso di ww creare un mondo aperto e vasto richiede esperienza e tempo,cose che spesso in alcuni aspetti a Nintendo mancano,soprattutto perchè deve fare 1000 giochi per sostenere da sola le sue macchine da gioco.
    ecco che dunque l ottimo gamecube ci offre un oceano vastissimo pieno di nulla,il wii un cielo immenso pieno di ancor meno,mentre su ps2 ad esempio giravano i vari vice city,san andreas e compagnia danzante.

    sul resto sono abbastanza d accordo sia con te che con kerbs,del resto zelda si presta a diverse analisi da diversi punti di vista,per altro cercando qualche news per la home mi sono imbattuto in molti editoriali analoghi,in questo periodo pare che molti stiano parlando di questo argomento,e per quanto mi concede di capire la mia scarsa conoscenza dell anglofono idioma,la parola d ordine è modernizzare la formula di gioco,che non vuol dire un mondo enorme pieno di bug e senza nulla da fare,ma un esperienza al passo coi tempi che sia infarcita della maestria di cui alla Nintendo un tempo erano dotati

    RispondiElimina
  13. @Kerbs: Majora ha davvero quel contrasto che crea quel senso di diversità ed unicità del gioco. Ricordo discorsi lunghissimi su come Majora spiccasse tra tutti gli Zelda: in un certo senso, magari in misura minore, si era operata una rivoluzione nella serie. Certo operando drastici cambiamenti qui e là, anche e soprattutto rispetto al precedente Ocarina.

    @Nano: Ma no Nano, figurati, io e te ne capiamo allo stesso modo di questa roba. E' verissimo, come hai anche detto bene facendo l'esempio del fumetto, che se alla gente non piace, pur avendoci messo tutto te stesso, devo decidere di darti una mossa e cambiare modo di veder/concepire le cose. Molto sta però anche nel modo in cui si promuove e si concepisce il lavoro (un'arte prima ed ancor più di questi tempi), si vende immondizia e si inneggia a ciofeche come capolavori immortali. Con questo non voglio generalizzare ma dire che al pari di tanta bella roba, o meglio anche di più, c'è la merda che avanza, magari infioccehttata alla grande in alta risoluzione. D'accordissimo che esistano in maggioranza fanart e simili di TP, ha il look più accessibile in assoluto e non parlo di facilità di realizzazione (tutt'altro) ma di riferimenti più classici o di più facile identificazione. WW ha uno stile personalissimo ma che divide: o ti piace o ti fa schifo, poi magari c'è chi dice che è un design originale ma poi sotto sotto pensa sia una cacca :) Ai tempi mi venne un colpo, soprattutto dopo quel colpaccio che fu Majora proprio a livello di design ma una volta avuto il gioco tra le mani finii per ricredermi (e per tastare i grossi limiti del mare fintamente sconfinato). D'accordissimo sul fatto che la realizzazione di un mondo enorme quanto coerente o quantomeno organico sia un dispendio di risorse e tempo terrificante: se prendiamo ad esempio gli ultimi GTA questi sono dei successi enormi ma hanno richiesto cifre inusitate fino a poco prima per giochi oltre a campagne pubblicitarie degne di megaproduzioni in altri settori. Forte già di un seguito eccezionale, hanno voluto affondare il colpo fino alle ossa e han avuto ragione ma non si può far la stessa cosa con Zelda (naturalmente lo stesso vale con altri paragoni e non solo con il confronto con GTA). Io stesso ho almeno 4-5 concept diversi per la serie ma una cosa è l'idea, l'altra è riuscire a fonderla col gioco in sè, con il suo dna. E a mio parere SS è davvero sfuggito di mano a Nintendo, è stato realizzato a mio parere ad undicimila mani e dio solo sa cosa è successo durante lo sviluppo di quel gioco. Troppe idee contrastanti, troppa sensazione di continuo rimaneggiamento e cambiamento, troppi proclami che in realtà erano un modo per coprire obiettivi mancati. Proprio in virtù dei limiti delle capacità grafiche della console si doveva puntare su di uno stile che lasciasse il segno e credo che fosse l'intento iniziale ma col passare del tempo, l'allungamento dei tempi e l'assottigliarsi delle risorse magari si è ripiegato su qualcosa che poi risulta meno riuscito. Tutto ciò è una mia impressione naturalmente, ma si resta basiti davanti a certe cose. E' un pò come l'avere un continuo cambio di regista e sceneggiatore in un film. Bah, meglio che io la pianti qui o non la smetto più di scrivere. Appena ho tempo mi impegno a completare i miei concept di Zelda e li posti così ci facciamo quattro risate: per la cronaca quello che reputo il più interessante è probabilmente quello meno realizzabile in toto, visti gli ettolitri di sangue previsti. Non si tratta di Mortal Kombat con le tibie che ti escono all'infinito dalla pancia ma il materiale d'ispirazione non lesinava sull'emoglobina come sull'epicità dei combattimenti e dell'ambientazione in sè.

    RispondiElimina
  14. gama non vedo l ora,se mai riuscirai e ne avrai voglia ne confezioniamo uno speciale in grande stile,lo promuoviamo per bene(inteso al massimo dei limiti che abbiamo soprattutto in questo momento) e vediamo che ne esce fuori.

    Sul tuo commento..e che devo aggiungere...mi vengono in mente decine di situazioni tecnicamente imbarazzanti nel gioco,non amo particolarmente ne lo stile ne la palette di colori usata in molte location,mentre in altre sono rimasto più che soddisfatto.
    Parliamoci chiaro,ho odiato allo stesso modo lo stile di ww,ma non ho mai nascosto che in quel titolo ci sono momenti di poesia,cito sempre il drago che si alza in volo dal vulcano,all epoca sembrava un film della pixar,quando ancora facevano clamore per realizzazione,cito anche il tempio del tempo,prima e dopo,il tempio della luce e tantissime altre chicche,poi ovvio detesto i cinghialotti ma almeno in ww la qualità c è si vede è tangibile,non è solo questione di gusti,che il lavoro sia ben fatto è palese,mentre per ss succede che spesso ci si fermi a chiedersi perchè,perchè alcune cose sono ben fatte altre no,perche alcune stonano con altre,nello stile,nelle intenzioni nella realizzazione.
    sui giochi e sul mercato moderno voglio spendere 2 parole,è vero che molto di quel che abbiamo qualitativamente parlando è risibile rispetto a titoli qualitativamente eccelsi del recente passato o anche di qualche anno fa (anche se poi si criticano le 10 ore di una campagna di un cod qualsiasi,non ricordandosi che prima un super mario ne durava 2 ed a tener vivo il gioco c era la sfida,c era la difficoltà),abbiamo constatato che spesso ci vendono merda riuscendo a farla passare per oro.
    bravi loro?scemi noi?
    non lo so,probabilmente un pò ed un pò,ma di certo il confezionamento conta,conta tanto nella società dell apparire,non puoi vendere un diamante in un sacchetto di plastica del supermercato,nintendo non si sa vendere,non sa individuare il suo target e quando l è riuscito a fare si è preso una fetta di mercato che gli ha voltato come auspicabile le spalle.
    L ennesimo cod (posto che a me cod piace)farà i nuimeroni come al solito,come il solito fifa?
    beh,evidentemente non è solo la confezione,non è solo la moda,le persone le inculi una volta,al decimo capitolo di una saga c è anche da farsene una ragione,la formula è vincente piace ed evidentemente diverte,un conto è il gioco singolo pompato e reclamizzato che poi muore li,un altro sono le grandi saghe.
    se zelda ultimamente invece di guadagnarsi nuovi adepti ne perde...dobbiamo considerare la triste ipotesi che abbia scassato 2/3 di minchia,che non è al passo coi tempi e che debba muoversi in una direzione nuova,pur senza perdere come già detto la sua identità
    detto ciò chi vi scrive è un pò rigido su alcuni giudizi,per me ad esempio i girasoli di van gogh sono una merda,in qualunque modo li si voglia giudicare,quindi evidentemente l arte non la capisco,e certa arte o certe rappresentazioni artistiche,non voglio nemmeno sforzarmi a capirle(giusto per farvi capire la mia apertura mentale)

    RispondiElimina
  15. Nano, eccome se ne ho voglia! Appena posso mi ci metto a lavorar su, il problema è che a causa di problemi di salute oltre ad aver perso dei lavori quel che è rimasto si è accumulato in maniera pazzesca e questi post sono giusto un modo per sganciare i miei pochi neuroni e rilassarmi un pochino. Avrei una voglia pazzesca di mettermi a lavorare sul concept di cui parlavo prima, forse l'unica dei 4-5 su cui potrei davvero disegnar molto. Spero di aver qualche scampolo di tempo al più presto, per ora è lavoro a testa bassa. Lavori, poi, orientati verso cyberpunk e simili, roba che se dopo ciò disegno Zelda, in astinenza dal disegnar donnine, viene fuori la principessa maiala di Hyrule.

    RispondiElimina
  16. L'idea mi piace, ma quelli a cui non rompi le palle da anni ed anni non sanno che sto discorso lo hai già fatto 100 volte e che io l'ho già letto almeno 80... =)) Bel comunque, a parte gli scherzi.
    Mi trovi in disaccordo però quando parli del nuovo Mario e delle giovani leve che lo hanno giudicato, anche io continuo a preferire Mario 64, ma il nuovo titolo è comunque un giocone di tutto rispetto (ad oggi miglior platform di questa generazione, e sai meglio di me che Sony e MS difficilmente tireranno fuori di meglio su questo genere) che il solo onere sulle spalle di chiamarsi Super Mario.
    Riguardo Zelda io sono bi-paritsan, da una parte mi piace l'idea dello Zelda maturo e moderno come lo descrivi, dall'altra adoro Windwaker, ma forse da questo punto di vista basta scindere Home console e console portatile, o creare 2 titoli, che male non fanno.
    Il resto è storia, o annunciano parecchi titoli e di spessore, o parliamo di aria fritta...

    RispondiElimina