sabato, maggio 24, 2014
7

Ormai siamo a fine maggio, finalmente direi, in questo periodo la scuola chiude, l'estate arriva ma soprattutto ritorna come ogni anno la conferenza più importante per il mondo dei videgiochi, ovvero l'E3!
Ogni nerd che si rispetti l'attende con ansia e freme dalla voglia di sapere tutti gli annunci che le Big dell'industria videoludica presenteranno.

Un'attesa lenta, angosciante, spasmodica, perderai la cognizione del tempo, dimagrirai, non avrai più relazioni sociali con qualcuno a parte il tuo intimo amico Internet, che in qualche modo riuscirà a disintossicarti per brevi momenti della giornata.
Guarderai continuamente il calendario di Frate Indovino e conterai assiduamente i giorni che mancano prima delle fatidiche date tanto agognate, ovvero il 10, 11 e 12 Giugno. 

Al diavolo le pizze con gli amici, i mesiversari con le proprie morose affamate di sesso o esami universitari, ciò che aspettiamo va oltre ogni percezione umana possibile, le persone normali non potranno mai capire cosa c'è in gioco!

Nintendo, Sony, Microsoft, ma anche Ubisoft, EA, Activision avranno il compito di sfamare la nostra voglia assidua di nuovi giochi, tanti nuovi giochi.

Internet però ci pugnala alle spalle, facendoci rosicare più che mai, ci offre su un piatto d'argento una marea di rumor che ci fanno sbavare, il nerd a questo punto inizia a sognare assiduamente titoli che forse verranno annunciati alla fiera e perde la cognizione della realtà, pensando seriamente a ibernarsi come Cartman e svegliarsi  nel giorno prefissato per dare un significato alla sua inutile esistenza.

Non starò qui a dettare una lista su giochi che annunceranno all'E3 o i rumor riportati dalle testate, è inutile visto che chi leggerà questo tripudio di parole sarà già ben informato, vorrei solo rendere noto che forse l'attesa di queste conferenze è la cosa più bella per un videogiocatore, più dell' E3 stesso visto che, come insegna il passato, si rimane sempre con un po' di amaro in bocca.

La speranza che racchiudiamo ogni volta in questo periodo tende a esaltarci e ad accendere il nostro spirito di videogiocatore, anche se la nostra passione è assopita da tempo con l'E3 si risveglia improvvisamente perché alla fine, anche se Microsoft continuerà a martellarci i maroni con Kinect, anche se Sony rimanderà ancora The Last Guardian, anche se Nintendo annuncerà l'ennesimo spin-off di Super Mario, noi un pad in mano lo prenderemo sempre, perché siamo nerd, di videogiochi, ma siamo nerd.

Seriamente, chi minchia è lo stronzo che sta sveglio fino alle 6 del mattino a guardare la conferenza Sony? Ovviamente (Io) un nerd!

7 Commenti:

  1. Hai perfettamente dipinto la situazione di tutto noi, bravo Mastik! Non hai idea di quante volte mi venga in mente la scena di quando Cartman si è ibernato :-d Spero che questo E3 mi faccia venire vogli di ibernarmi, ma ultimamente mi fa solo venir voglia di dar fuoco al palco su cui stanno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hype è alto anche quest'anno, soprattuto verso Sony e Nintendo, spero solo che i casconi virtuali non rappresentino la forza portante di questo E3...

      Elimina
    2. Ammetto che in realtà quest'anno il mio hype è a zero. Dopo gli ultimi 2 E3 nei quali mi son sentito discretamente preso in giro non ho più molte aspettative o speranze.

      Elimina
  2. Bravo Mastik, bel pezzo! Come credo di aver già fatto in passato, trovo azzimatissima la citazione dal Piccolo Principe, dove dice che l'attesa del piacere è più piacevole del piacere stesso. Ho spesso la sensazione che negli ultimi anni l'E3 sia più piacevole da attendere che da vivere, come una coppa del mondo dove l'Italia esce subito al girone... O non annunciano nulla di che, e ti rompi le palle, o annunciano console su cui sbavi ma che in futuro ti deluderanno, e ti rompi le palle. Ma la speranza è l'ultima a morire! Speriamo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem Momo! Da qualche anno da me l'E3 si organizza a casa di amici e credo proprio che alla conferenza Nintendo di quest'anno ci spariamo anche la grigliata!

      Elimina
    2. Esatto, è meglio l'attesa oramai dell'evento stesso...

      Elimina
  3. anche perchè ormai le grandissime esclusive stanno sparendo,è pieno di conferenze dedicate ai singoli giochi ed internet,i rumors,le notizie che trapelano uccidono l evento in se,relegandolo ad un ruolo ben più marginale rispetto al passato.
    ottimo per gli addetti ai lavori,molto meno per chi un tempo aspettava l e3 leggendo sulle riviste di settore notizie a cadenza mensile.
    il numero di una qualsiasi rivista di videogames in periodo di e3 era come la bibbia in chiesa

    RispondiElimina