martedì, giugno 28, 2016
5

Non un articolo ne un necrologio,un semplice omaggio ad un uomo che ha accompagnato l infanzia di molti trentenni.
Come chi ci segue avrà notato il buon Bud ci ha fatto (e continuerà a farci) da mascotte in questi anni passati insieme, vezzo di Momo suo grande fan ma scelta condivisa da tutti che per motivi anagrafici l abbiamo vissuto come detto durante la nostra infanzia.
Non sono forse il più qualificato a scrivere queste righe, di certo altri lo avrebbero fatto meglio con dovizia di particolari e forse con più enfasi, non sono il tipo che si commuove facilmente,soprattutto se muore una persona che fondamentalmente credo abbia avuto una bella vita, agiata con ben poche preoccupazioni , possiamo dire agiata anche nel momento di lasciarci , senza aver sofferto come sottolinea il figlio che ha dato notizia del decesso.
E' innegabile però che un saluto affettuoso sia doveroso perche ho passato molti dei sabati di quando ero ragazzino a vedere quei film , altri tempi , altra società altro modo d vivere.
Il western ancora era seguito e spesso gli eroi dei bambini arrivavano a cavallo , sigaro in bocca e Colt alla mano.

Erano i tempi in cui si giocava in strada con gli amici e ci si prendeva spesso a schiaffi , nessun tablet con giochi freetoplay... di free c erano solo gli schiaffoni , tutti ti davano schiaffi , il buffetto dello zio , gli amici , i genitori se facevi casini o danni e tutto questo anche grazie ai vari Bud, Bombolo e compagnia danzante.
Tra tavoli distrutti da gente che cadeva da balaustre di saloon a sedie distrutte dietro la schiena senza scordarsi delle mille bottiglie frantumate sulla testa di decine di malcapitati SENZA DIRE MAI UNA PAROLACCIA l infanzia di noi poveri trentenni passava così , grazie a poliziotti con super poteri , improbabili analfabeti che salvano degli isolani dalla lobbies delle banane e tante altre interpretazioni (le ultime evitabilissime) .
Come in tutte le favole va prima o poi scritta la parola fine , chi fa il mestiere dell artista ha il vantaggio che le sue opere gli sopravvivono e potrà allietare altre generazioni , anche se forse a quella di adesso  "passa col verde" farà poco ridere , anche se " è il signore che vi manda! No passavamo di qui per caso" sembrerà una cavolata.
Di certo c è solo che tra un massimo un paio di settimane ci saranno i film del buon Bud in edicola per speculare un pò , spero che a rendere omaggio ci pensi la tv , soprattutto alla Rai dovrebbero omaggiare un uomo che tanto ha dato al cinema Italiano.

Ciao Carlo , non insegnare niente agli angeli , limitati a riempirli di schiaffoni....come hai sempre fatto


Nano64

5 Commenti:

  1. Belle parole Nano che condivido in pieno... è stato un simbolo della nostra infanzia che ci ha seguito anche qui e sul forum come mascotte delle nostre passioni. Grazie per i bei momenti che ci hai fatto passare Bud!

    RispondiElimina
  2. Quanti ricordi e quante serate a guardare i film di Bud Spencer e Terence Hill! Pure io che sono ventenne li ricollego alla mia infanzia, ancora negli anni '90 i loro film apparivano in tv con regolarità :) E penso che piaceranno anche alle future generazioni, un film divertente resta tale per sempre (o) Ottima cosa il fatto che invece di rimuginare sulla sua morte hai raccolto delle belle memorie legate ai suoi film.

    RispondiElimina
  3. E' stata una notizia davvero sconvolgente... Non stavo così giù dalla morte di Tonino Accolla. E' come se fosse morto una persona che c'è sempre stata nella tua vita...

    RispondiElimina
  4. Un bellissimo omaggio Nano :) se lo merita tutto :)

    RispondiElimina
  5. Grazie Nano, post bellissimo. Io il giorno stesso stavo per scrivere qualcosa, ma poi non mi è andato... Non so, se lo avessi fatto io sarebbe quasi sembrato uno "specularci" e le mie parole sarebbero sicuramente sembrate esagerate nei confronti di un uomo che in fondo non ho mai incontrato in vita mia (e che ahimè non incontrerò mai più, almeno aldiquà)
    Però magari più avanti, quando sarà passata la bufera dei buonisti e degli amici del mietitore, due parole le butterò giù.

    RispondiElimina